13
Federico Chiesa esce allo scoperto. L’esterno della Fiorentina, conclamato obiettivo di mercato di Inter e Juve, si è raccontato in una lunga intervista al Corriere dello Sport. Il nazionale azzurro ha una gran voglia di tornare in campo: “Non sono mai stato fermo per due mesi e la cosa mi pesa. Anche se ho lavorato parecchio, siamo professionisti. Ci siamo allenati costantemente seguendo il protocollo che trasmetteva ogni giorno Iachini”.

FIORENTINA COLPITA DAL VIRUS - “La squadra è consapevole del momento, ma ha grande fiducia nello staff medico, sa di essere seguita con tutte le attenzioni e vuole riprendere a lavorare. Sento spesso il dottor Pengue, una mente brillantissima. Lui ci rassicura. La notizia delle nuove positività non ci ha turbati”.

SU IACHINI - “Venivo da mesi difficili, non avevo svolto la preparazione che serve al mio fisico. Due settimane dopo la fine dell’Europeo Under 21 ero già in America con la squadra. Quando è arrivato Iachini stavo recuperando dall’infortunio alla caviglia e invece di partire per le Maldive, dove avevo programmato una breve vacanza, ho svolto una preparazione personalizzata, le indicazioni me le dava il suo staff . Quindici giorni che mi hanno rimesso in condizione, il sorriso è tornato di conseguenza”.

SUL FUTURO - Chiesa parla del futuro e delle chiacchierate col presidente Commisso: “Con il presidente, con Giuseppe Barone e Pradè nell’ultimo anno abbiamo parlato tantissimo, il presente è l’unico tempo sul quale sono concentrato. Io penso al lavoro di tutti i giorni, agli obiettivi immediati, il principale è la salvezza. Speriamo di tornare tutti a giocare, il resto verrà”.
MERCATO - “Non ci sono trattative in corso, c’è la Fiorentina. Non ho un procuratore, con la società parlo io e lui (il padre Enrico, ndr) è sempre al mio fianco. È il mio assistente personale (sorride). Non abbiamo mai preso in considerazione l’idea di avere un agente. In futuro chissà. Quella voce che mi accostava a Totti era una fake news, Francesco è stato il primo a contattare la società per chiarirlo".

SU INTER E JUVE - Stuzzicato sulle due pretendenti: “Se chiamano Juve e Inter? Il mio obiettivo è il miglioramento generale, non solo quello tecnico, devo completarmi e sono il primo a rendermene conto. Sousa, che mi ha lanciato, ma anche Pioli, mi ripetevano spesso che il calcio si gioca prima di tutto con la testa. Io, per indole, sono portato a non amministrare le energie, ho una generosità che tante volte compromette la prestazione, talvolta manco di lucidità sotto porta. Devo migliorare e migliorare e ancora migliorare, trovare con più regolarità il gol, se voglio avvicinare mio padre che in Serie A ne ha segnati 138”.


QUANTO TI MANCA IL CALCIO? RISPONDI AL SONDAGGIO!