Bologna-Chievo: 1-2

Sorrentino 6.5: il rigore non conta, quello che conta è la sua forma ancora straordinaria.

Depaoli 6: il giovane difensore clivense regge piuttosto bene l'urto delle discese avversarie che soprattutto con Verdi si fanno abbastanza pericolose nel primo tempo.

(dal 90’ Cesar: s.v.)

Dainelli 6: tanta esperienza al servizio dei gialloblù, utilissima e fondamentale in partite delicate come quella di oggi.

Tomovic 6: l'ex viola si comporta abbastanza bene di fianco all'altro ex Fiorentina. Dopo un avvio di gara complicato i due trovano l'equilibrio.

Gobbi 5.5: l'esperienza non è sempre sinonimo di affidabilità, oggi l'esterno sinistro pare un po' sottotono.

Castro 6: tanta spinta e grinta in una sfida molto fisica, lui ci prova come meglio può.

Rigoni 6: ottimo filtro davanti alla difesa e intelligenza al servizio della squadra. Dà il suo contributo ai compagni non tirandosi mai indietro.

Hetemaj 5.5: giornata da dimenticare per il mediano finlandese, suo il goffo intervento di mano che obbliga il direttore di gara ad assegnare il rigore al Bologna.

Birsa 6: inizia un po' in sordina ma è un crescendo, con la palla tra i piedi da sempre l'impressione di poter far male.

Giaccherini 7: migliore in campo per distacco, la lotta per la salvezza non gli appartiene. Le sue giocate fanno sempre la differenza, soprattutto con un gol da cineteca come quello di oggi.
(dal 69’ Bastien 6: sostituisce l’autore del primo gol, tanta corsa e poco altro).

Inglese 6.5: segna ed è prezioso in ogni azione, ogni pallone rubatogli è una conquista.

(dall’83’ Stepinski: s.v.)


D’Anna 6.5: inizio di partita difficile ma i suoi crescono ogni minuto della partita fino a ribaltare un risultato che avrebbe potuto pesare moltissimo.