Commenta per primo

Dov'è finito Rinaldo Cruzado? Non si è più visto. Non gioca. Va in tribuna. Non è infortunato. Quindi si tratta di una scelta tecnica. E c'è da capire come mai oggi il peruviano non rientri nei piani di Eugenio Corini. 'Stiamo lavorando anche su di lui' ha detto il tecnico. E non c'è motivo per non credere alle sue parole. Eppure Cruzado è uno dei pochissimi giocatori che ancora non sono stati lanciati dal nuovo tecnico.

Il problema dove sta allora? Concorrenza troppo forte? In un momento così delicato per il Chievo verrebbe da pensare che non può essere questo il motivo. C'è da sperimentare, serve qualità. E il peruviano in mezzo può dare una mano. In più, quando è arrivato dal Sud America, in casa Chievo si era convinti di avere messo a segno un colpo importante. Il primo anno è stato difficile tra ambientamento lento e infortuni.

Cruzado vola spesso in Perù per rispondere alla chiamata della sua Nazionale. Là è ancora un giocatore indispensabile. Nel Chievo è finito nell'ombra. Cosa non piace del giocatore? Approccio al campo? Ritmo di gioco non consono a quanto richiesto dal club? Resta il fatto che Rinaldo c'è, si allena, è ancora tutto da provare. Potrebbe essere un asso nella manica. Potrebbe. La prima giornata ha regalato, di fatto, al Chievo la vittoria contro il Bologna. Poi null'altro. Quasi sicuramente arriverà un'altra chance. Per il momento, però, Cruzado resta un mistero. C'è, ma non si vede.