270
Le cifre sulla vendita di De Ligt le abbiamo cannate tutti, è un dato di fatto. Chi ha detto 70 milioni + 10 di bonus, chi 75 + 15, chi 80 + 5. Anche il sottoscritto avevo assicurato che era stato ceduto – tra parte fissa e bonus aggiuntivi – per una cifra attorno ai 90 milioni complessivi. Perché così mi era stato riferito, e confermato pure da fonti diverse.  È stata un’informazione sbagliata, della quale chiedo scusa agli utenti de IlBianconero in primis. Mi conforta però il fatto che nessuno, anche quelli bravi, hanno riportato le cifre reali, ovvero: “un corrispettivo di € 67,0 milioni, pagabile in quattro esercizi, che potrà essere incrementato, nel corso della durata del contratto di prestazione sportiva del calciatore, per un importo non superiore a € 10,0 milioni, al raggiungimento di specifici obiettivi sportivi.”  Testuale dal comunicato ufficiale della Juventus. Cifre confermate pure su quello del Bayern Monaco.

Questo capita quando club, procuratori e mediatori sono così bravi nel riuscire a far circolare le informazioni che vogliono loro. Addirittura a nascondere una trattativa avviata già da mesi, come rivelato dalla stessa Pimenta, e di cui nessuno era a conoscenza. Anzi, in un primo momento ci è stato fatto credere che De Ligt fosse anche pronto a rinnovare fino al 2026. 

PARTECIPA AL SONDAGGIO DI CALCIOMERCATO.COM: CHI E' PIU' FORTE TRA BREMER E DE LIGT?
Invece la vendita dell’olandese si è intrecciata a doppio nodo col ritorno a Torino di Pogba: la cessione dell’uno ha consentito il ritorno dell’altro, appartenendo entrambi i giocatori alla stessa scuderia. Pimenta ha tolto e Pimenta ha dato, come faceva una volta anche Mino Raiola. Con la differenza, non da poco, che la Rafaela è meno esosa e si è accontentata di provvigioni più contenute.

CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO.COM