751
Colpo di scena: esiste un giudice a Berlino (cit.). O meglio, a Strasburgo. Un giudice che, finalmente, vuole vederci chiaro sulla Calciopoli italiana. Un magistrato che vuole capire cosa accadde in quella tempestosa estate del 2006, come si svolsero i processi federali e cosa emerse in seguito, in sede di giustizia ordinaria. Un signore togato che su questa vicenda non ha deciso di lavarsene le mani dicendo, come hanno fatto tanti altri suoi colleghi in questi ultimi 15 anni, “non è materia di mia competenza”. A Strasburgo, presso il Tribunale europeo dei diritti dell’uomo, hanno invece stabilito che lo è, e quindi il caso si riapre.

CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO.COM