10
Ormai ci siamo. Il momento che tutti gli appassionati NBA attendono per un’intera stagione è arrivato. Siamo a pochissime ore dalle NBA Finals 2020, un evento che non dimenticheremo facilmente vista la particolarità della stagione e l’incredibile quantità di eventi succedutisi in questo anno. Saranno i Los Angeles Lakers e i Miami Heat a contendersi il titolo NBA: una edizione inedita delle Finals che merita una preview approfondita. Sono infatti numerose le chiavi di lettura che si possono fornire per questo incrocio ma noi ne abbiamo scelte 5, a nostro modo di vedere uniche e indimenticabili. Mettetevi comodi, dunque, e preparatevi a innamorarvi di queste Finals!

1 - DUE METROPOLI DALLE STORIE DIFFERENTI - Miami e Los Angeles sono due delle più belle città rappresentate sulla mappa geografica della NBA, due grandi mercati in grado di attirare stelle di prima grandezza.  Due storie che presentano alcuni punti in comune: entrambe, ad esempio, devono moltissimo a Pat Riley, coach in grado di vincere 4 anelli con i giallo viola e di essere il primo storico allenatore campione NBA con Miami, oltre che mente dietro a questi Heati. Nella storia di entrambe svetta la figura di Shaquille O’Neal, tre volte MVP delle Finals con i Lakers e protagonista con Miami nel 2006. E infine, ovviamente, entrambe sono state scelte da LeBron James quando ha scelto di lasciare Cleveland.Ma, poi, i parallelismi tra le due città finiscono qui. I Miami Heat sono stati fondati nel 1989, quando i Lakers avevano già in bacheca ben 11 titoli NBA. Se i Lakers, infatti, possono vantare ben 16 anelli e 32 finali disputate, gli Heat sono appena alla sesta partecipazione alle finals: il loro record al momento parla di 3 titoli vinti e due sconfitte. Niente male per una squadra così giovane. Il primo scontro in finale tra le due squadre non poteva partire da presupposti più intriganti.
SCORRI PER LEGGERE LE ALTRE QUATTRO STORIE ​