23
Che giornata, ti fa dimenticare che poi si manderanno (vedremo chi... ) alle nazionali. Perché c'è di tutto, da noi si parte con una Lazio-Juventus al curaro per poi tracimare con Atalanta-Inter. Incredibile ma vero Milan-Verona e Genoa-Roma diventano l'insalatona regina del contorno. E il dolce un esotico Manchester City-Liverpool. Prosit.

Lazio-Juventus, la guerra dei laboratori l'ha già resa unica. Tra cento anni qualcuno racconterà una vigilia all'amara atmosfera di Covid, positivi debolmente positivi o negativi che fossero. Nel frattempo ce n'è uno che se ne frega altamente e pensa: "Io intanto faccio gol, non mi fermo più quindi...". Morata ci ha fatto l'abitudine e noi con lui. Marcatore (non primo marcatore che sarebbe molto più difficile) e si parte.

A Bergamo arriva una Inter più che ferita a Madrid e trova una Dea più che ferita da Klopp e da uno 0-5 che impossibile da argomentare. Sì, forse Gasp al momento non ha più l'Atalanta che aveva. Ma l'estate sul campo fino alle ultime folate l'hanno fatte entrambe, una in Champions e l'altra in Europa League. Conte non può star lì di rimessa ad aspettare Lukaku (o quanto ce ne sarà) ma Gasp - che sta pagando anche la lenta rimessa in possesso di un genio come Ilicic - vuole vedere i suoi che conosceva. Combo che ci può stare

Anche Milan-Verona riparte da una ferita. Che però negli spogliatoi sarà stata discussa con un sorriso. Se c'era la partita migliore da perdere quella era con il Lilla. Perchè fa molto meno male di tante altre, il risultato e il come c'entrano poco. E in più il Sassuolo ha evitato di scavalcare la capolista. Occhio però che il Verona di Juric gioca bene e fa male, due cose che vanno in coppia. Verso il gol. 

Sarà una Roma senza Dzeko. Ma intanto Borja Majoral ha risposto presente nell'unico modo in cui possa farlo un attaccante. Dopo il recupero perso contro il Toro, il Genoa non potrebbe perderne un'altra in fila ma questa giornata può firmare il decollo giallorosso. A parte che con tutti gli scontri diretti che figurano sul tabellone Fonseca potrebbe persino guadagnare due punti a tutti. Slurp. 

Manchester City contro Liverpool, Guardiola contro Klopp. Sembra Al Pacino contro Bob De Niro in quel bellissimo film. Con la sfida finale. Qui c'è un dato che conta: in casa il City non sbaglia niente ma proprio niente da quando il Leicester fece a pezzettini piccoli piccoli una squadra che in campo non c'era, devastata dal contagio e da un organico che non stava in piedi. Da lì è ripartito tutto. E se il Liverpool non è quello che ha vinto l'ultima Premier League con ventottomila punti di vantaggio; e se Gabriel Jesus torna a farsi vedere; e se il Pep fiammeggerà dalle narici... E se...


Lazio-Juventus marcatore Morata (quota 2,50)
Atalanta-Inter 1X/over 1,5 (1,80)

Milan-Verona gol (1,70)

Genoa-Roma 2 (1,73)

Manchester City-Liverpool 1 (2,00)




La cinquina vale 26,4 volte la posta escluso bonus