Commenta per primo
L'Avellino stecca davanti ai suoi tifosi. La formazione biancoverde non riesce ad ottenere il secondo successo casalingo del 2014, venendo sconfitta (0-1) al 'Partenio-Lombardi' dal Brescia di Iaconi, che si impone nei minuti finali. Rastelli schiera, per la prima volta dal 1' in campionato, Biancolino, che in avanti fa coppia con Castaldo. Ciano trequartista, 3-4-1-2 dove D'Angelo rimpiazza Schiavon in mezzo con Arini e Peccarisi prende il posto di Fabbro al centro della difesa. Nel Brescia Caracciolo parte dalla panchina: in avvio c'è Valotti. Al 9' la prima azione è dei lombardi, i quali ci provano con un destro dalla distanza di Olivera, deviato da Seculin. L'Avellino risponde al 12' andando vicinissimo al vantaggio: Castaldo va via centralmente e calcia in porta, Arcari respinge, ma il centravanti di Giugliano si avventa nuovamente sulla palla e stavolta centra il palo alla destra del portiere ospite. Al 28', poi, è il turno di Ciano, il quale fa partire un sinistro che si alza di poco alto sopra la traversa. Il Brescia, nella ripresa, tenta piano piano di venire fuori dal suo guscio soprattutto grazie all'entrata in campo di Caracciolo, il quale stacca di testa (para Seculin). Al 63' destro di Benali, palla che esce fuori misura di poco. La squadra di Iaconi ci prova, l'Avellino vuole difendersi inserendo Angiulli per Ciano. I lombardi, nei minuti finali, compiono il blitz. Prima è Olivera a mancare l'appuntamento con il gol di testa su cross di Scaglia. All'87' gelato il 'Partenio-Lombardi': Pisacane perde palla a centrocampo, Benali avvia un contropiede micidiale finalizzato da Corvia che da due passi realizza. L'Avellino resta a 48 punti, settimo insieme a Modena, Spezia e Lanciano.
 
AVELLINO

L'allenatore dell’Avellino, Massimo Rastelli: 'Dispiace aver perso in questo modo, nel finale, dopo un primo tempo in cui abbiamo giocato in maniera molto offensiva. Peccato però per il calo evidente dimostrato nella ripresa. Il campionato è mutato, ed è diventato durissimo. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi, e quando io e la società abbiamo gettato benzina sul fuoco ciò non è stato fatto per una questione di apparenza. Riguardo ai singoli mi aspetto di più da Zappacosta: conto ritrovi la forma migliore, quello di oggi sicuramente non è il gran calciatore visto nel girone d'andata’.
 
BRESCIA
L'allenatore del Brescia, Ivo Iaconi: 'Era un partita molto dura per noi, in quanto l'Avellino, nella prima frazione di gioco, ci ha intimorito. Onestamente siamo stato fortunati sul palo di Castaldo, ma soprattutto poco coraggiosi, e questo non va bene. Siamo cresciuti con il passare dei minuti, e riuscito ad ottenere una bellissima vittoria quando ormai stava delineandosi il risultato di parità. Abbiamo un organico importante per la categoria, non si capisce come il Brescia non sia già nella zona playoff'.