Commenta per primo
Joao Silva porta in quota il Bari. Una prodezza aerea del centravanti portoghese permette al Bari di battere 1-0 un ottimo Avellino e migliorare notevolmente la sua classifica. Denso di rimpianti, invece, il pomeriggio dei campani che, comunque, non smontano le ambizioni né sul secondo posto né sulla zona play off. Gli irpini dominano il primo tempo, costruendo almeno tre occasioni pulite da gol, ma Guarna è insuperabile e addirittura miracoloso su un colpo di testa di Galabinov deviato sulla traversa. I biancoverdi, però, non concretizzano la loro superiorità e calano nella ripresa. Il Bari, così, prende coraggio, alza il suo baricentro e trova il gol partita. E' l'82': Sciaudone crossa per Joao Silva che sale in cielo e spedisce il pallone sull'angolo lontano. Il gol subito taglia le gambe all'Avellino che non riesce a reagire. Così i pugliesi chiudono il match senza sofferenze. Esultano i 16mila del San Nicola, che ora attendono notizie confortanti sul futuro del club: l'asta di aggiudicazione si terrà entro fine aprile.

BARI

L'attaccante del Bari, Joao Silva: 'E' molto più stimolante segnare davanti a tanta gente. Un pubblico così numeroso aumenta l'adrenalina e fa comprendere le potenzialità di questa grande piazza. La dedica di questa rete va proprio ai tifosi: sono felice che sia stato un altro gol pesante ai fini del risultato. Ora dobbiamo continuare così per salvarci il prima possibile. Mi dispiace soltanto aver rimediato l'ammonizione che mi farà saltare la trasferta di Crotone'.
AVELLINO

Il difensore dell'Avellino, Fabio Pisacane: 'Abbiamo giocato la partita che avevamo preparato. Dispiace solo aver sperperato tante occasioni nel primo tempo. Il Bari ci ha punito nell'unica vera occasione creata. Il rammarico è soprattutto non aver dato una soddisfazione ai tanti tifosi che ci hanno seguito in questa trasferta. Ma non molliamo: ormai siamo in ballo per obiettivi importanti e ci proveremo fino alla fine'.