Commenta per primo
Il Sassuolo continua la sua rincorsa all'Europa, imponendosi su un Carpi troppo poco cinico ed evidentemente non all'altezza del gioco degli avversari. Neroverdi in vantaggio già dal 3' minuto grazie alla prodezza del numero 17 Sansone, ottimamente servito da Defrel; Carpi colpito a freddo nonostante l'ottimo inizio, nel quale era riuscito a collezionare persino un cacio d'angolo. Con il passare dei minuti, però, la squadra di Castori ricomincia a crescere, arrivando a sfiorare il pareggio al 17', con il tiro di Cofie, largo alla destra di Consigli. È al 24', però, che la formazione padrona di casa riesce a rimettere il conto in pari: destro a giro di Pasciuti su calcio da fermo che trova il piede pronto di Gagliolo, abile a metterla dentro. Il Sassuolo ci mette poco più di dieci minuti a riornare in vantaggio: al 35', ad esser precisi, il clamoroso errore del troppo lezioso Pasciuti regala un pallone ghiotto al neroverde Defrel, che non spreca e insacca a Belec battuto. Con il parziale a favore dei neroverdi, Castori decide di ricorrere a Kevin Lasagna, subentrante al posto del poco brillante Porcari. Neanche il giovane KL15 (così ribattezzato dai supporter carpigiani), però, può nulla di fronte al desiderio del Sassuolo di anestetizzare una partita tramite possesso palla e pochissimi errori. I minuti passano in un sostanziale stand-by generale: pochi palloni raggiungono i rispettivi portieri e le squadre sprecano tempo a studiarsi; solo il gol di Francesco Acerbi, al 72', sull'angolo di Berardi, concede un po' di brio ai non tantissimi spettatori accorsi al "Braglia" di Modena; fatalmente disattento Romagnoli, nell'occasione, che concede al magistrale difensore neroverde di calciare in solitudine il gol dell’affondo. Il Carpi vede allontanarsi i sogni di gloria, rischiando di sprecare quanto di buono fin qui fatto. Il Sassuolo, invece, a meno un punto dal Milan, continua a crederci.

CARPI

Il difensore del Carpi, Fabrizio Poli: "Tre gol regalati contro una squadra che non ha certo bisogno dei nostri regali perché ha uno dei giochi migliori della serie A. Abbiamo completamente sbagliato l'approccio alla gara, poi siamo riusciti a rimetterci in carreggiata; purtroppo non è bastato e il terzo gol ci ha dato il colpo di grazia. Ora dobbiamo pensare alle prossime partite, saranno tutte fondamentali a partire dalla prossima contro il Chievo. Noi continuiamo a crederci e a lavorare per la salvezza".
SASSUOLO

L'attaccante del Sassuolo, Nicola Sansone: "Il nostro mister ci aveva detto sarebbe stata una battaglia e così l'abbiamo affrontata. Per i nostri tifosi è sempre molto importante vincere contro il Carpi, ci siamo riusciti e siamo molto contenti. Il nostro tridente non è zemaniano perché il nostro mister è Di Francesco. Siamo partiti benissimo e questo ci ha avvantaggiato un po'. Per quanto riguarda il gol sono stato bravo ad inserirmi nello spazio, solo davanti al portiere non potevo sbagliare. Per fortuna l'abbiamo chiusa perché in caso di pareggio avremmo potuto perdere punti preziosi. Al sesto posto crediamo molto. Oggi abbiamo visto un ottimo Carpi, ma il Sassuolo aveva fame di punti".