Commenta per primo
Un derby di Verona pieno di gol, diversamente dall'andata, in un 2-2 intensissimo, concentrato soprattutto nel primo tempo, in cui le due formazioni non si sono risparmiate dal primo all'ultimo minuto. Un derby da vincere, con gli obiettivi primari già raggiunti, ma che alla fine termina in un giusto pareggioTra i protagonisti della partita ci sono Toni e Gomez da una parte e Pellissier e Paloschi dall'altra, esattamente coloro che hanno determinato attraverso i loro gol le anticipate salvezze di entrambe le squadre. Il pareggio mancava esattamente al dicembre del 1998, ma serve a entrambe ad allungare la striscia positiva della stagione: sesto risultato utile consecutivo per la squadra di Maran, ottavo punto in cinque giornate per l'undici di Mandorlini. Una classifica che rimane invariata (rispettivamente 43 e 42 punti) e che continua quasi a braccetto. La sensazione che fosse una gara da vincere a tutti i costi si è avvertita fin dalle prime battute. Ben sei cartellini gialli nella prima mezz'ora, forse un po' troppo esagerati rispetto all'andamento regolare della partita. Anche i gol non si lasciano attendere: al 9' sponda di Pellissier per Paloschi che da due passi insacca il pallone del vantaggio clivense. Nella principale sfida a distanza fra i due capitani più longevi della Serie A, la sfida termina in perfetta parità: se è una deviazione di Gomez, al 19', a regalare il pareggio meritato del Verona, il campione azzurro al 26' anticipa tutti in area siglando di testa il suo 19° gol stagionale. Al 40' Pellissier si guadagna e realizza il penalty del 2-2, che farebbe presagire una ripresa altrettanto vivace. Anche perché è ancora Toni a far vibrare la porta di Bizzarri: la sua girata sbatte sulla traversa. La ripresa rimane meno spettacolare, con i ritmi che lentamente calano. E' il Chievo a cercare più volte il gol, con Botta che sul finire sfiora la rete. Ma Bizzarri da una parte e Rafael dall'altra blindano il punteggio. Finisce in parità, con l'Hellas che festeggia anche un trentennale storico: il 10 maggio 1985 il Verona di Bagnoli conquistava lo Scudetto. Bello poterlo fare in un derby così soleggiato.
 
CHIEVO
 
L'attaccante del Chievo, Sergio Pellissier: "E' stata una gara bellissima, aperta e piena di gol. Un derby che non si vedeva a Verona da molto tempo e che ci sarebbe piaciuto anche vincere. Ci siamo divertiti, nella ripresa avremmo potuto anche vincerla ma credo che il pareggio ci stia. Rizzoli? Credo che ogni decisione presa debba essere fatta nella giusta maniera. Personalmente ringrazo il mister per questa chance, per avermi dato la possibilità di giocare. Il gol di oggi lo dedico a tutta la famiglia e alla squadra per il grande campionato che ha fatto".
 
HELLAS VERONA
 
Il centrocampista del Verona, Mounir Obbadi: "E' stata una bellissima partita, un derby che si voleva vincere, anche se il risultato va bene a entrambe. Il Chievo ha fatto un grande secondo tempo, anche se non siamo stati bravi a sfruttare le nostre occasioni. Adesso pensiamo subito all'Empoli. Futuro? Qui a Verona sto bene, non so quello che succederà".