Commenta per primo

Un 2-1 bugiardo per quello che si è visto in campo a Cittadella, con i granata che sciupano troppo e regalano il pari ad un Vicenza opportunista. Ospiti avanti con Malonga e superati dall'uno-due firmato Giannetti-Gasparetto prima del pari definitivo di Gentili. Primo tempo da sbadigli tra due squadre che badano più a non prenderle che a fare gioco. Al 5' ci prova senza tanta convinzione Malonga con una conclusione respinta in angolo. Dieci minuti dopo corner arcuato di Vitofrancesco, su cui Pellizzer ci arriva ma colpisce male la sfera, facilitando l'intervento di Pinsoglio. Al 22' tiro telefonato di Di Roberto dalla distanza. Il Vicenza si vede solo con un tiro-cross di Mustacchio al 28'. Cittadella vicino al gol con una buona punizione di Di Roberto, che Pinsoglio devia in corner. Ma i berici non ci stanno e Pinardi va venire i brividi ai tifosi del 'Tombolato' con un diagonale di Pinardi, parato d'istinto da Cordaz con palla che per poco non carambola in rete sull'intervento fortuito di Gasparetto. Ancora berici insidiosi con un tentativo di Gentili, su cui Corda para. Quando il risultato sembra orientato sullo zero a zero, arriva puntuale la doccia fredda per i padroni di casa: al 44' grazie ad un bel diagonale di Malonga, su assist perfetto di Plasmati, il Vicenza si porta in vantaggio. Ripresa con il pareggio immediato al 46' di Giannetti a centro area (quarto gol consecutivo in quattro gare) su cross pennellato di Vitofrancesco. La formazione di Foscarini preme sull'acceleratore con il Vicenza sulle difensive: al 5' conclusione di Di Carmine ribattuta in angolo. Al 58' giallo clamoroso al 'Tombolato' con un gol-fantasma nell'area vicentina: tiro di Di Roberto deviato dal suo compagno Di Carmine, che spiazza Pinsoglio, ma l'estremo difensore berico intercetta con il braccio e il pallone colpisce la traversa interna, dando la sensazione della rete anche dalle immagini televisive. Al 63' Gasparetto di testa fa giustizia al Cittadella, accompagnando in rete un pallone scagliato da Pellizzer verso la porta sguarnita. Poco dopo Di Carmine si mangia un gol fatto, sparando addosso a Pinsoglio un piattone debole. Sull'altro fronte la squadra di Breda fatica molto dalle parti di Cordaz: solo una punizione di Castiglia al 70'. Il Cittadella sfiora il tris più volte: Giannetti va vicino alla doppietta con una conclusione sotto porta deviata in angolo da Pinsoglio (migliore in campo dei berici), diventando sempre più padrone del campo. Ma il Vicenza prova a salvare la panchina a Breda e ci riesce con un tocco a porta vuota di Gentili su respinta maldestra di Cordaz dopo la calibrata punizione di Plasmati a tre minuti dal 90'. Due punti buttati via per la squadra della città murata sempre in zona play-off a quota 21, mentre toccasana per i berici che ritornano a casa con un ottimo punticino.

CITTADELLA

L'allenatore del Cittadella, Claudio Foscarini: 'Quando abbiamo alzato il ritmo della gara, abbiamo dimostrato di meriatare questa classifica con due buoni gol. Peccato aver regalato un tempo agli avversari, e c'è grande rammarico per come è arrivato il pari nel finale di gara. Comunque alla fine dei giochi sono soddisfatto del quinto risultato utile consecutivo, anche se avremmo meritato di vincere per le tante occasioni sciupate sul 2-1. Purtroppo paghiamo sempre il fatto di non chiudere la partita prima, come si è verificato altre volte in questo primo scorcio di campionato'.

Il difensore del Cittadella, Michele Pellizzer: 'Noi puntiamo sempre a far bene in ogni partita e penso che fino ad oggi meritiamo la zona play-off. E' un pari amaro per come si è concretizzato. Nel primo tempo non sembravamo neanche noi, ma adesso c'è subito un altro derby importante contro il Padova per far valere le nostre qualità. Su tutti e due i gol abbiamo pagato caro le nostre amnesie e distrazioni difensive'.

VICENZA

L'allenatore del Vicenza, Roberto Breda: 'Abbiamo sofferto solo nella prima parte della ripresa, quando abbiamo subito la loro reazione al nostro gol di Malonga. Ottimo finale di gara con la rete meritata di Gentili, e abbiamo anche rischiato di vincere il derby con le occasioni di Migliorino e Malonga nel recupero. L'unica pecca è aver gestito male in vantaggio nel primo tempo: forse aver subito a freddo il pari nella ripresa ci ha condizionato un po' troppo'.

Il difensore del Vicenza, Nicolò Brighenti: 'Difficile analizzare questa gara strana, anche se denoto aspetti positivi e negativi. Il fatto importante è il pareggio per non aver mai mollato la presa su un ottima squadra come il Ciattdella. Per come si era messa la partita con il vantaggio di Malonga dovevamo concedere meno ai nostri avversari con due presi evitabili. E' certo che dobbiamo lavorare ancora tanto per raggiungere la salvezza, ma abbiamo dato un segnale forte ai nostri tifosi con un punto d'oro su un campo difficile'.

L'attaccante del Vicenza, Gianvito Plasmati: 'Avevamo preparato benissimo la partita: noi meglio nel primo tempo, loro migliori nella ripresa, anche se dopo il 2-2 abbiamo avuto un paio d'occasioni per vincere la gara. Abbiamo ribattuto colpo su colpo ad una squadra collaudata come il Cittadella ed è un buon segno per le prossime giornate'.