Commenta per primo

Prova di forza del Frosinone, che rifila tre reti al Catanzaro e si porta in testa alla classifica approfittando anche del turno di riposo del Perugia. Nonostante il terreno pesante, la squadra di Stellone riesce a esprimere un buon calcio e al 12' passa con Curiale, che sfrutta al meglio la spizzata di Blanchard su angolo di Carrus e infila Bindi. Il Catanzaro prova a colpire con Fioretti ma Zappino compie un miracolo deviando in angolo. Sul ribaltamento di fronte le aquile rischiano di capitolare, ma la traversa dice no al colpo di testa di Paganini. Nella ripresa la musica non cambia e al 60' arriva il raddoppio: pregevole cross di Crivello dalla sinistra, svetta Daniel Ciofani che insacca. Passano dieci minuti e c'è gloria anche per il giovane Paganini, che risolve una mischia in area sugli sviluppi di un calcio d'angolo siglando il definitivo 3-0. 

FROSINONE

Il tecnico del Frosinone, Roberto Stellone: 'In queste tre gare del girone di ritorno abbiamo fatto quello che ci eravamo prefissati. La vittoria di oggi è più convincente rispetto a quella con il Pisa. Abbiamo tirato molto in porta concedendo una sola occasione pericolosa al Catanzaro, in cui sono emerse le grandi qualità del nostro portiere Zappino. È stata una vittoria importante, sono stati tutti bravissimi, sia chi ha giocato dall'inizio sia chi è entrato a gara in corso. Su un terreno del genere non mi aspettavo certe giocate, ho visto grande qualità oltre a un'ottima forma fisica e mentale. Ora abbiamo sorpassato il Perugia in vetta e vogliamo prolungare la serie di successi a partire dal prossimo impegno a Barletta'.

CATANZARO

Il tecnico del Catanzaro, Oscar Brevi: 'Abbiamo fatto una buona gara su un terreno difficile. C'è rammarico per aver preso i gol su palle inattive. Abbiamo commesso degli errori nonostante avessimo studiato queste situazioni, peccato. Nella ripresa stavamo facendo bene, poi però abbiamo preso gol. Abbiamo commesso delle ingenuità, non siamo stati bravi e attenti. La squadra ha tenuto bene il campo nonostante il risultato. Non siamo attrezzati come le prime tre-quattro, ma cerchiamo di programmare per il futuro e daremo il massimo'.