Commenta per primo
In extremis. All'Olimpico la Lazio trova il 3-3 al 94' con il Torino e resta in corsa per l'Europa League insieme ai granata. Questi ultimi i più pericolosi con una traversa di Bovo su punizione, ma il primo gol è biancoceleste: al 42' Biglia pennella dalla destra per Novaretti, che di testa serve Mauri per la zuccata dell'1-0. Ma il Toro non molla: al 52' Kurtic dall’area piccola fulmina Berisha su cross di Meggiorini dalla sinistra. Al 61' la replica laziale con Keita che anticipa Padelli e si procura il rigore del 2-1, trasformato con un cucchiaio da Candreva. Nuovo pareggio torinista al 67', con la girata al volo in area del neoentrato Tachtsidis su un corner dalla sinistra. L'espulsione al 79' di Novaretti complica le cose per Reja e co., rese ancora più difficili dalla rete di Immobile all'89' che sembra completare la rimonta del Torino. Così non è: a tempo scaduto Candreva controlla in area piccola un tiro-assist di Felipe Anderson dai 20 metri e sigla il definitivo pareggio.

LAZIO

L'esterno della Lazio, Antonio Candreva: 'Ci mancano ancora quattro partite, noi dobbiamo metercela tutta. Il record di undici gol? Fa piacere, ma è anche merito della squadra. È importante questa continuità di risultati, il Milan ci sta riuscendo. La matematica però ancora non ci condanna. Chi è la favorita alla corsa europea? La Lazio. Siamo stati penalizzati? No, ma ci sono degli episodi in cui lo stesso fallo a noi viene fischiato e agli altri no. Non serve a nulla adesso recriminare, la partita è finita. Da adesso in poi sarà ancora più difficile: fatichiamo un po', ma la matematica, ripeto, ancora non ci esclude'.
TORINO

Il centrocampista del Torino, Jasmin Kurtic: 'Vittoria sprecata? No, siamo contenti perché per tutta la partita abbiamo messo giù la Lazio e abbiamo giocato molto bene, molto meglio di loro. Peccato per non aver preso i tre punti, ma siamo comunque contenti. Siamo in tanti per l'Europa? Per noi non è preoccupante la bagarre, facciamo il nostro lavoro e dobbiamo fare quello che chiede il mister. In Europa League riuscirà ad andarci sarà chi avrà tranquillità serenità e rabbia fino alla fine. Il battibecco Meggiorini-Mauri? È una cosa che riguarda loro, io non parlo di queste cose. Finale di partita concitato? Io ero un po' lontano, sono entrato subito negli spogliatoi perciò non ho visto la scena'.