Commenta per primo

Brutta la prima del 2013 per il Modena di Marcolin, che dopo la lunga pausa viene battuto da una buona Ternana. Ci prova subito il Modena con Gozzi di testa, ma la palla è alta. Le 'fere' non ci stanno, e Alfageme al 24' sfiora il palo alla sinistra di Colombi. L'ultima azione del primo tempo è del nuovo arrivato Piscitella, ma il tiro dal limite è bloccato da Brignoli. Ripresa lenta per venti minuti, giocata prevalentemente a centrocampo. Al 24' guizzo di Alfageme dal limite, sinistro e palla stampata sulla traversa. Al minuto 81 vantaggio umbro: Ragusa scende sulla fascia e crossa per il neoentrato Litteri che non sbaglia. Quattro minuti dopo fallo di Fazio su Ardemagni in area, l'arbitro assegna il penalty che lo stesso attaccante realizza. Al termine dei tre minuti di recupero, su palla alta in area modenese, Stanco tocca di mano, il signor Castrignanò dopo un attimo di esitazione concede il rigore che Litteri non sbaglia calciando rasoterra alla destra di Colombi.

MODENA

L’attaccante del Modena, Giammario Piscitella: ‘Oggi ci abbiamo provato dall'inizio, mettendocela tutta. Abbiamo giocato una buona partita, tenendo sempre la palla, ma nel calcio, come abbiamo visto oggi, fino alla fine non si sa mai. I due rigori c'erano e dalla partita di oggi dobbiamo imparare gli errori da evitare sabato con il Varese. Mi sono inserito subito bene negli schemi, i miei compagni mi hanno cercato parecchio. Io sono destro, ma per un ragazzo di diciannove anni è indifferente giocare su entrambe le fasce o al centro. Cerco sempre di ripagare la fiducia del mister, ringrazio tutti i tifosi per gli applausi, e cercherò di ripagarli nelle prossime partite. Sono contento di essere arrivato a Modena, lasciando Genova e la serie A, perché qui la società, squadra, tifosi e stadio hanno un'organizzazione di prima serie, e per un ragazzo giovane è l'ideale per crescere’.

TERNANA

L'allenatore della Ternana, Domenico Toscano: 'Sapevamo i punti forti del Modena, Ardemagni e i due esterni Lazarevic e Piscitella sono molto determinanti per le loro qualità di gioco. I miei ragazzi hanno letto bene la partita, con impegno, consapevolezza delle proprie forze, e credo siano stati premiati con quello che hanno messo in campo. Durante questa lunga sosta ci siamo allenati e non avevo dubbi sulla benzina nelle gambe, era solo da mandare in circolo, attivando la testa e il cuore, e oggi l'hanno fatto. Sono stato solo fortunato a far entrare un giocatore che ha fatto due gol: era pronto, e in campo ha fatto il resto'.