La Roma fa sognare l'Olimpico: batte 2-1 i campioni d'Italia e vola a quattro punti in classifica. La Juventus resta a zero. I giallorossi partono subito forte, ma Iago Falque al 7' calcia alto e al 24' Pjanic colpisce il palo. Così il primo tempo finisce 0-0. Nella ripresa salgono in cattedra i bosniaci. Al 63' ancora Pjanic disegna un arcobaleno su punizione e realizza il gol del vantaggio. Al 79' la Juve rimane in dieci: Evra scalcia Iturbe e l'arbitro Rizzoli gli fa vedere per la seconda volta il secondo cartellino giallo. Un minuto dopo, Dzeko anticipa Chiellini e schiaccia di testa la palla del 2-0. Nel finale, reazione juventina: all'87' Dybala accorcia le distanze, al 92' Szczesny salva su Bonucci. 

ROMA

L'attaccante della Roma, Edin Dzeko: "Abbiamo giocato un grande match contro una fantastica squadra. Abbiamo preparato molto bene la gara, pressato alto e lavorato tanto per vincere. È molto bello segnare in un match importante sotto la Sud: tutti chiamano il tuo nome, è molto bello. Sono state sensazioni fortissime. Nessuno è imbattibile, lo abbiamo dimostrato oggi. Aspettavo il primo gol in Serie A e penso che tutti abbiamo meritato di vincere. Alla Bosnia piace la Roma, so quanto è forte Pjanic, non è niente di nuovo, tutti sanno che può realizzare gol così. È solo la seconda gara, la stagione è molto lunga, la cosa più importante è vincere col Frosinone, altrimenti questa partita con la Juve non vale".

JUVENTUS

Il portiere della Juventus, Gianluigi Buffon: "La Roma è stata superiore per 80 minuti e ha meritato la vittoria, noi abbiamo avuto una reazione di nervi, rischiato di pareggiare, ma nel computo della gara non sarebbe stato giusto. Ora dobbiamo uscirne fuori, a Roma si può perdere, ma avere zero punti dopo due partite non appartiene alla nostra storia. Quando si indossa questa maglia bisogna capire che si scende in campo per vincere. Nel momento in cui si rifonda una squadra è normale qualche complicazione, ma i giocatori appena arrivati sono molto validi".