Commenta per primo
Luca Nizzetto è stato profetico. Il centrocampista del Trapani in settimana aveva espresso il grande desiderio di siglare il suo primo gol del campionato al "Provinciale" per andare ad esultare sotto la Curva Nord e abbracciare "gli splendidi tifosi granata". Così è stato: il giocatore ha messo dentro la rete della vittoria trapanese a nove minuti dalla conclusione continuando ad alimentare un sogno. E' stata una gara vibrante, altalenante ed emozionante. Per la cronaca, al 4' l'Ascoli ha un'ottima occasione con Cacia che sul filo del fuorigioco tira debolmente tra le mani di Nicolas. Al 14' Scozzarella su calcio di punizione manda direttamente in porta dalla sinistra e Lanni respinge con difficoltà in angolo. Un minuto dopo il Trapani passa: calcio di punizione di Scozzarella dalla sinistra, c'è una deviazione, la palla tocca il palo, arriva come un falco Pagliarulo e mette dentro. Al 23' Trapani vicino al raddoppio con Petkovic: arriva un cross dalla destra, stop di petto del giocatore che indirizza in porta da distanza ravvicinata, con Lanni che compie il miracolo. Al 29' è rigore per il Trapani. Su Pagliarulo in elevazione il portiere entra fallosamente e Pairetto decreta il penalty, con l'ammonizione per il guardiapali. Sulla battuta forte di Citro respinge alla grande il portiere, la palla torna sui piedi del giocatore granata che infila nel sacco. Al 37' fallo dubbio in area di Pagliarulo su Cacia. Della battuta s'incarica lo stesso Cacia che spiazza Nicolas. Al 39' incredibilmente l'Ascoli agguanta il pareggio con un tiro di Altobelli che tocca la traversa, la palla dà l'impressione di toccare la linea, il guardalinee sembra fermo ma poi guarda l'arbitro e corre verso il centrocampo. Al 41' gran tiro di Addae che incoccia pericolosamente la traversa. Nella ripresa il Trapani parte a spron battuto. Al 58' clamorosa occasione per i siciliani: Barillà rimette al centro per Citro, il quale però viene anticipato da Canini che spazza in angolo ma sfiora l'autorete. Al 69' Cosmi inserisce in avanti Montalto ed è proprio lui che, due minuti dopo, porta in vantaggio la formazione di casa con un gran sinistro vincente. Un minuto dopo l'Ascoli torna a riequilibrare le sorti della gara. Pairetto concede un penalty per fallo in area di Pagliarulo, che viene nella circostanza ammonito. Si incarica di battere Cacia, che rimette in sesto il risultato per la squadra bianconera: 3-3. Al 76' miracolo di Nicolas su tiro ravvicinato di Petagna, poi Pagliarulo allontana il pericolo. All'81' la marcatura del vantaggio definitivo dei padroni di casa con Nizzetto, che con un tiro imprendibile fa secco il portiere Lanni. Tre minuti dopo l'Ascoli rimane in dieci per l'espulsione di Addae
 
TRAPANI
 
L'allenatore del Trapani, Serse Cosmi: "Bisogna innanzitutto partire dai complimenti che è giusto fare nei confronti di un Ascoli molto bene messo in campo da Devis Mangia. E' chiaro che le mie non sono parole dettate dalla circostanza, ma perché la gara ha evidenziato il valore della squadra marchigiana, la quale può mettere senza dubbio in difficoltà qualsiasi avversario. Per questo il nostro successo assume un valore ancora più importante, in particolare sotto l'aspetto psicologico, perché ci permette di continuare ad andare avanti nel migliore dei modi e di proseguire la nostra strada dopo avere conquistato in anticipo la salvezza. Sicuramente abbiamo commesso qualche errore, sbagli che io non sopporto. Negli ultimi dieci minuti di partita per noi la gestione dell’incontro si è presentata più semplice, con l'Ascoli in dieci uomini e costretto a inseguire la rete del pareggio. Se mi chiedete come mai nella prima fase della gara l'Ascoli sia riuscito a pareggiare, posso benissimo dire che tutto ciò deriva dalla nostra eccessiva generosità. Da quel momento la gara è cambiata. Ora la squadra deve recuperare le forze fisiche. Non dimentichiamo che oggi erano assenti due giocatori importanti come Fazio e Coronado. Sono contento per Barillà, che è riuscito a giocare una gara con questo tipo di coinvolgimento. Vincere in questa maniera rappresenta il massimo per noi e per la tifoseria: si capisce chiaramente che indossare e sostenere questa maglia sia qualcosa di speciale".

ASCOLI
 
L'allenatore dell'Ascoli, Devis Mangia: "Entrambe le squadre hanno commesso diversi errori in una contesa che è stata condizionata dal vento. Il sintetico non mi è mai piaciuto, ma non posso addossare le responsabilità della nostra sconfitta al terreno di gioco. Siamo riusciti a riaprire la partita e abbiamo avuto le occasioni per andare in vantaggio, ma ormai è finita così. Non abbiamo tanto tempo per pensare a questa gara. Già martedì si torna in campo e sarà necessario recuperare parecchie energie. Purtroppo avremo qualche assenza importante. Riguardo al Trapani posso dichiarare che ha giocato una bella partita e merita i complimenti".