Commenta per primo
Il Trapani si congeda dal proprio entusiasta pubblico con una vittoria meritata sulla Pro Vercelli, a suggello di una salvezza conquistata una settimana prima ad Avellino. Per la cronaca, al 4' il Trapani è già in gol con Curiale ben servito da Nadarevic. L'attaccante dopo aver fermato la palla in area mette in rete di piatto destro senza dare scampo al portiere Russo. La formazione ospite risponde al 28' con un tiro ad effetto di Musacci da fuori area che è indirizzato sul sette, ma si perde fuori di un soffio. Al 32' Nadarevic ben lanciato da Curiale viene travolto in area, però il signor Roca di Foggia lascia correre. Al 34' ancora Trapani con un tiro ravvicinato dalla destra di Nadarevic che Russo respinge di piede. Gli ospiti si fanno sotto al 38' con un ben assestato colpo di testa di Luppi che Gomis respinge in tuffo. Nella ripresa il Trapani è subito in rete, precisamente al 48'. Su angolo di Falco il giovane Caldara, ex Primavera dell'Atalanta, si ripete dopo Avellino e azzecca ancora di testa il colpo vincente. Cosmi al 56' inserisce Feola per Ciaramitaro. Al 69' la Pro Vercelli ha una buona occasione in area con Sprocati sul quale è ottimo l'intervento di Gomis. Quest'ultimo non può far nulla sull'incursione di Beretta che mette in rete un minuto dopo per il gol ospite. Al 72' bella azione del nuovo entrato nel Trapani Citro, che si incunea bene e fa gridare al gol, con la squadra ospite che si salva in angolo. Al 78' è Sprocati ad impegnare in una difficile parata il portiere granata Gomis. Al 91' lo stesso guardiapali compie il miracolo su una incursione ospite di testa, poi si ripete in tuffo su un altro tentativo della squadra di Scazzola. Intanto festeggiano per la salvezza nella panchina ospite per i risultati che arrivano dagli altri campi. E la gara si conclude dopo i cinque minuti di recupero tra il tripudio generale.

TRAPANI
 
L'allenatore del Trapani, Serse Cosmi: "Quando sono arrivato a Trapani mi sono accorto che c'erano i presupposti per vivere tre mesi positivi in virtù di una società serena, del calore della gente con una grande voglia di confrontarsi col sottoscritto. Tutto ciò mi ha messo nelle condizioni migliori. La città mi ha fagocitato molto. Se guardiamo i numeri bisogna essere molto soddisfatti, però non contano solo quelli. Bisogna dire che questa squadra in alcuni momenti ha anche espresso un buon calcio, oltre le aspettative. Forse l'unico rammarico è quello di non avere ottenuto il tanto atteso colpaccio in campo esterno: ce lo saremmo sicuramente meritato. Adesso posso affermare che l'unica cosa negativa è che si è concluso il campionato. Nella prossima settimana ci incontreremo con la società e decideremo alcune cose per il prossimo anno. Vedremo quali saranno le intenzioni della dirigenza. Non credo ci saranno grandi stravolgimenti".      
PRO VERCELLI

L'allenatore della Pro Vercelli, Cristiano Scazzola: "Si sono incontrate due formazioni che hanno espresso un buon calcio in questo campionato. La salvezza è meritata per entrambe. Oggi ci mancavano sette titolari. Ci poteva stare anche il pareggio, ma alla fine quel che conta è la salvezza. L'unico rammarico per queste due squadre è che con un rendimento migliore in campo esterno si sarebbe potuto puntare al salto nella categoria superiore".