Commenta per primo
Clima perfetto allo stadio Menti per ospitare Vicenza e Ternana, match valido per la 36ª giornata di Serie B. Comincia subito bene la formazione veneta, ispirata dal filotto di risultati utili innescato da mister Lerda: dopo 15 minuti il buono spunto di Galano sull'errore di Meccariello libera Ebagua per bucare Mazzoni e fare 1-0. Ternana spettatrice non pagante nei primi 45’ e la ripresa si apre con lo stesso copione del primo tempo. Vicenza che gioca, e gioca bene: altra imbeccata centrale di Signori che confeziona un pacchetto regalo sui piedi di Vita, il quale ringrazia, e fa 2-0. Breda decide di cambiare subito, dentro Avenatti fuori Gondo, e il centravanti degli umbri si rende pericoloso appena entrato in un paio di occasioni. Ma sono sempre i biancorossi ad avere le occasioni e il controllo del match: prima Sbrissa, poi Ebagua in sforbiciata sfiora il gol della vita, e infine Galano, costretto poi ad uscire per infortunio. Doppia chance allo scadere sui piedi di Raicevic, subentrato a Ebagua, ma la risposta di Mazzoni è miracolosa. Spinge di più la Ternana nel finale, e nel recupero trova il gol di testa di Furlan, anche se è inutile: tre punti fondamentali per la salvezza dei veneti.
 
VICENZA

L'allenatore del Vicenza, Franco Lerda: "Piano piano, un passo alla volta, ora siamo a buon punto. Quello che dovevamo fare è stato fatto: i tre punti e una crescita sul piano del gioco, e credo che la abbiamo ottenuta. La prestazione oggi è stata notevole, di fronte avevamo una squadra con un gran collettivo e fortissima a livello individuale, specie davanti. Abbiamo interpretato bene la gara. Nel primo tempo gli equilibri sono stati importanti, siamo rimasti sempre squadra. Dopo il vantaggio abbiamo continuato a giocare per 35-40 minuti come una grande squadra: difesa alta, grandi ripartenze, senza mai mollare. Con il 3-0 probabilmente sarebbe finita la partita, ma abbiamo concesso briciole in ogni caso. Martedì altra partita importantissima a Salerno, dove avremo bisogno di tutti: oggi chi è entrato lo ha fatto molto bene, con spirito, qualità e l'atteggiamento giusto. Questa è la squadra che abbiamo cercato di plasmare e godiamoci per oggi questo risultato: da domani la testa è alla Salernitana. Galano ha preso una botta, non dovrebbe essere nulla di grave. Riavere il pubblico dalla nostra è molto importante, i ragazzi volevano uscire da una situazione difficile e io dovevo capire subito come far quadrare il cerchio sbagliando il meno possibile. È stato un percorso in crescendo, perché ci sono dei valori tecnici e morali".
 
Il centrocampista del Vicenza Francesco Signori: "Abbiamo trovato compattezza e i risultati secondo me ti aiutano, perché ti danno anche fiducia nei tuoi mezzi: in quattro partite abbiamo fatto dieci punti e bisogna continuare così, pensare partita per partita. I risultati degli altri campi ci hanno aiutato, ma il Vicenza deve guardare solo a sé stesso: abbiamo le capacità per tirarci fuori dalla lotta salvezza. Quella di oggi è stata un ottima partita da parte di tutta la squadra e bisogna solo continuare così, poi si vedrà a fine anno".
 
TERNANA
 
L'allenatore della Ternana, Enrico Breda: "Quella di oggi è stata una partita sottotono, l'intensità non era la solita da parte nostra. Se non usiamo quelle che sono le nostre armi finisce in questo modo. Forse pensavamo di essere già salvi, invece non è cosi. Ce lo siamo detti per tutta la settimana, ma non abbiamo fatto in campo quello che doveva essere fatto. Non sono contento di nessuno. Abbiamo fatto bene quando abbiamo saputo di essere tutti indispensabili. Non ci sono colpevoli singoli o di reparti, è una questione di gruppo. A me non piace la squadra con la testa bassa: voglio gente che si incazza e reagisce. L'atteggiamento non è stato quello giusto, evidentemente. Noi siamo forti quando siamo squadra, lo ripeto. Siamo forti quando siamo al servizio della Ternana. Non va bene quando ognuno gioca per conto suo. Ceravolo? Problemino al polpaccio, non dovrebbe essere niente di grave".