Dopo un inseguimento lungo oltre un anno, Omar Colley è arrivato a Genova. Il nuovo centrale della Sampdoria è un ragazzone grande e grosso, forte fisicamente e molto quotato in Belgio, dove si è fatto conoscere dopo due anni al Genk, Il neo blucerchiato però ha accettato subito la proposta arrivata da Corte Lambruschini, e non sembra affatto pentito della scelta. "Non avrei potuto essere accolto meglio dalla società e dai compagni. Gli allenamenti sono impegnativi ma se ho scelto la Samp è per migliorarmi, e per diventare migliori bisogna sacrificarsi" ha raccontato il difensore dal ritiro di Ponte di Legno a Il Secolo XIX. "È stato anche grazie Koulibaly se sono venuto qui, perché mi ha parlato della sua esperienza a Napoli spiegando quanto è migliorato come difensore con un tecnico come Sarri che allena in modo simile a Giampaolo. Questo, insieme al progetto che mi ha presentato la Sampdoria, mi ha convinto".

Anche con la lingua, Colley sa arrangiarsi: "Capisco alcune cose, e per quelle che non capisco ho compagni che mi aiutano, da Leverbe ad Andersen, da Sala a Regini. Il mio modello è Skriniar: come me aveva la struttura e le doti ma poca esperienza e in due anni qui è riuscito a diventare un top player. Penso di avere una buona miscela di caratteristiche: La velocità, l'altezza e quindi la forza nei duelli aerei ma anche una buona resa nel corpo a corpo. Queste però sono mie caratteristiche che nel lavoro collettivo di Giampaolo dovranno essere fuse ai movimenti del gruppo. Io un leader? Essere il capitano della mia nazionale, il Gambia, è un onore che porto dietro ovunque gioco. Io per leader intendo uno che dà l'esempio. Se è così, sono felice di essere un leader". 
Dal. di vista della vita privata, il difensore è un ragazzo molto semplice: "Sono un musulmano praticante: non fumo, non bevo e penso che tutto questo avvicini a Dio. Ho una compagna, gambiana anche lei, che vive in Inghilterra ma presto mi raggiungerà a Genova, dove è già stata ed è entusiasta della città. I miei fratelli vivono tra Belgio e Inghilterra mio papà mia mamma e mia sorella più piccola vivono in Italia. Noi Colley siamo sparsi un po' dappertutto, ma restiamo molto uniti".