1
Battesimo di fuoco per Roberto De Zerbi sulla panchina del Brighton, perché l'esordio arriva a Liverpool, contro i Reds di Klopp (sabato ore 16). Per l'ex tecnico di Sassuolo e Shakhtar una nuova sfida che racchiude in sé tante piccole missioni, tra queste anche la scoperta di pepite ancora inespresse in rosa. Levi Colwill fa indubbiamente parte di questa categoria. Solo tre presenze nella prima parte di stagione sotto la guida di Graham Potter, una sola da titolare in Coppa di Lega e meno di un quarto d'ora complessivo in Premier: l'ex allenatore dei Seagulls ha trovato l'equilibrio con Veltman, Webster e Dunk e ha preferito dare continuità al trio più esperto visto l'ottimo avvio, ma ora con De Zerbi può arrivare una svolta.

'NUOVO VAN DIJK' - Difensore centrale, classe 2003, Colwill è di proprietà del Chelsea ed è arrivato al Brighton in prestito nell'ambito dell'affare che ha portato Cucurella tra le fila dei Blues. L'impatto non è stato quello atteso, specie dopo l'ottima stagione disputata nell'anno in prestito all'Huddersfield che lo ha consacrato agli occhi dei tifosi del Chelsea come next big thing della difesa. Qualcuno lo ha ribattezzato 'nuovo Terry', in realtà per trovare un'affinità bisogna guardare in casa Liverpool. Sia per trovare il suo modello ("Amavo Steven Gerrard e la sua capacità di leadership. Avevo i suoi poster nella mia stanza. Non ero un centrocampista, ma volevo avere la sua mentalità"), sia per trovare un paragone effettivo, perché come stile si avvicina a Virgil van Dijk. Bravo nel gioco aereo grazie a un fisico possente e strutturato (187 cm d'altezza), abbinato ad aggressività in marcatura, rapidità e buona qualità tecnica in fase di impostazione. Colwill è un difensore polivalente che in carriera ha agito anche da laterale sinistro (il piede preferito è il mancino) con licenza di offendere. Cosa che fa anche con qualità, si veda il recente palo colpito con l'Inghilterra Under 21 contro i pari età dell'Italia. Grandi potenzialità e stima manifesta di Potter, che tuttavia non è riuscito a garantirgli ampio minutaggio. Le situazioni difficili non scoraggiano Colwill, che ne ha già fronteggiate nei campetti di Southampton su cui ha mosso i primi passi e anche ai tempi delle giovanili del Chelsea: soprattutto quando, negli Under 14, i Blues gli proposero soltanto un contratto part-time che lui trasformò grazie al lavoro sul campo.
FUTURO INCERTO, GLI OCCHI DELLA SERIE A - Ora una nuova sfida anche per lui con l'arrivo di De Zerbi, in attesa di definire un futuro tutt'altro che scontato. Al termine del prestito tornerà al Chelsea, con cui ha un contratto fino al 2025, il resto è da scoprire. I Blues non intendono perdere quello che è considerato uno dei prospetti più interessanti a disposizione e il rapporto di stima con Potter è forte e reciproco, tuttavia gli anni saranno 20 al termine della prossima stagione e la volontà di trovare spazio è tanta, a Londra o altrove. La continua ricerca di nuovi difensori da parte del Chelsea lascia intendere che trovare spazio sarà difficile, per questo l'ipotesi di un addio o quanto meno un nuovo arrivederci è estremamente verosimile. E le pretendenti non mancano, anche in Serie A se si considera che la scorsa estate il suo profilo era entrato nei radar di tre big italiane. Il Milan ci ha fatto un pensiero, poi i rossoneri hanno virato su Thiaw, lo stesso il Napoli che con il Chelsea ha chiuso l'affare Koulibaly. Ma la squadra che ha mosso passi più netti è stata l'Atalanta, grazie alle indicazioni di Congerton. Colwill avrebbe potuto garantire a Gasperini una doppia alternativa come perno della difesa a tre o come braccetto di sinistra e per questo aveva attirato le attenzioni degli orobici, ma la pista non è stata approfondita. Il suo profilo, però, resta in orbita per il mercato italiano. Prima, però, deve conquistare De Zerbi per trovare più spazio al Brighton e continuare il percorso di crescita in stagione: il Chelsea e il mercato possono aspettare, Colwill ora pensa a dimostrare sul campo che le aspettative inglesi nei suoi confronti sono ben riposte.