Queste le parole di Antonio Conte, allenatore del Chelsea, a Mediaset Premium: "Sono rammaricato, dispiaciuto, così come lo sono i giocatori. In queste partite bisogna essere perfetti per ottenere il massimo, la vittoria. Abbiamo commesso un errore e abbiamo pagato. Abbiamo dato il 120%, non siamo stati fortunati, è un peccato, avevamo preparato bene la partita, sapevamo dove potevamo fare male. Ora servirà un'impresa al Camp Nou. Il mio futuro? E' la storia del Chelsea, in 14 anni sono cambiati tanti allenatori. E' la stampa che gioca con la panchina del Chelsea, mette pressione. Già parlava di esonero dopo la partita contro il Burnley, alla prima giornata. Il Chelsea è molto chiacchierato dalla stampa. Per me non ci sono problemi, io spero che la pressione non faccia male ai miei giocatori. La Nazionale? Ho un contratto con il Chelsea fino al 2019 e intendo rispettare questo contratto. Ma nel calcio può accadere di tutto. Oggi uno è felice ma bisogna essere in due a essere felici e continuare i matrimoni. Il nostro lavoro è particolare, siamo sempre con la valigia in mano. Se le cose cambieranno si potrebbero aprire scenari interessanti...".