49
(ENGLISH VERSION)

Gli inizi nella Juventina Lecce, il trasferimento alla Juventus. Poi la carriera da allenatore, ancora i bianconeri, la Nazionale. E adesso il Chelsea. Antonio Conte si è raccontato nel corso di una lunga intervista concessa durante il programma Mister Condò di Sky Sport, cominciando a ripercorrere la sua carriera dall'infanzia: "Un periodo bello in cui ho imparato tanto. Il campo di Sant’Antonio a Fulgenzio era rovinato, ma noi avevamo tanta voglia di giocare. Quindi il prete ci faceva giocare in cambio della nostra presenza in chiesa durante la messa. Oggi le possibilità sono diverse, c’è meno voglia di soffrire e di lottare per ottenere qualcosa. Manca il talento da strada, dove una volta si sviluppavano le abilità. Giocavo nella squadra di mio padre e quando voleva dare una lezione ai tutti interveniva su di me. Ero un ragazzo semplice e sono sempre rimasto così. Fascetti mi ha dato fiducia quando mi ha fatto esordire a 16 anni. Lui ha sempre avuto occhio per i giocatori giovani, così è stato anche con Cassano. Non mi paragono a lui che ha molto più talento rispetto a me, ma entrambi siamo cresciuti in mezzo alla strada. Mazzone, poi, mi ha fatto crescere anche da un punto di vista di sofferenza. Mi ha insegnato tanto". 

JUVE 1 - Poi la chiamata della Juventus: "Sapevo che c’erano degli osservatori che mi seguivano negli allenamenti e nelle partite. Fu un cambiamento molto importante. Se qualcuno mi avesse detto che arrivato a Torino sarei rimasto 13 anni, vincendo tutto e che sarei diventato capitano gli avrei risposto di farsi curare… Avrei firmato per un terzo o per un quarto di quello che ho avuto dalla Juventus. Anche se tante volte ho pensato: ‘Ma chi me l’ha fatto fare di lasciare casa mia per essere meno felice?’. Il punto è che non volevo tornare a Lecce da sconfitto. Arrivare a Torino è stata durissima sotto tutti i punti di vista: pochi giorni prima ero in spiaggia a Lecce, lì ero solo in mezzo alla nebbia. Non riuscivo a dare del tu ai miei compagni, da Baggio a Schillaci. Dopo una prima amichevole difficile contro il Monaco, Trapattoni ha continuato a puntare su di me. Senza di lui non credo che sarei riuscito a restare così tanto alla Juventus. Poi arrivò Lippi e di lui mi porto dietro tante cose. Riusciva a motivarti ogni giorno. Nel ’96 sono diventato capitano e da quel momento devi mettere gli interessi della squadra davanti ai tuoi. Ricordo con grande emozione il mio primo scudetto e quello del 2002 vinto a Udine. Il ricordo di Perugia invece è devastante, non ho dormito per cinque giorni".
JUVE 2 - La seconda vita bianconera è poi quella da allenatore: "Lo scudetto del 2012, il primo in panchina, è la più grande impresa che sia stata fatta. In partenza eravamo considerati da settimo o ottavo posto. Siamo riusciti a creare qualcosa di fantastico, un’alchimia che poteva superare ogni ostacolo. Se avessi detto ai miei calciatori: ‘Andiamo sopra a un palazzo e buttiamoci di sotto’, ci saremmo andati tutti. C’era una fede incondizionata, a ricordarlo mi viene la pelle d’oca. La dirigenza mi ha aiutato molto, così come Del Piero e Buffon. Con loro ho condiviso gioie e dolori da giocatore e ci fu grande disponibilità. Sono stati fondamentali, Alex rispose alla grande nel momento caldo del campionato; aveva forza, responsabilità e classe per fare la differenza. Ricordo l’ultima gara che ha giocato contro l’Atalanta, lo stadio si è fermato: si fa fatica a non emozionarsi in un momento così. Quell’anno il Milan era il grande favorito ma noi avevamo tutto in più rispetto agli altri. Poi negli anni, nonostante le vittorie, la Juventus è sempre cresciuta; continuare a costruire non è semplice”.

ITALIA - Nazionale: "I miei genitori erano estasiati, così come lo ero io. Allenare l’Italia è qualcosa di incredibile e tutta la mia famiglia era favorevole a questa mia decisione, soprattutto dopo tre anni vissuti intensamente, con grande passione. Andare ad allenare la Nazionale è stata anche una forma di rispetto nei confronti della Juventus. Il primo anno e mezzo è stato bello, ma quello che siamo riusciti a creare in quei cinquanta giorni che siamo stati insieme all'Europeo è qualcosa di unico e straordinario. Una famiglia. Quando abbiamo perso con la Germania tutti piangevano perché sapevano che il giorno dopo non ci saremmo più visti. È stata una gioia immensa condividere certi momenti con tutti. Fossimo passati noi ai rigori avremmo avuto grandi possibilità di vincere l’Europeo. C’è stato anche un momento in cui ho rimpianto di aver già deciso di cambiare: se non avessi firmato per il Chelsea… Non avrei potuto abbandonare i ragazzi".

CHELSEA - E adesso è il momento del Chelsea: "Le energie spese in Francia sono state veramente tante. Ci siamo buttati subito in questo nuovo mondo, un’esperienza totalmente diversa. Un grande club, nuovo, con giocatori e abitudini differenti. Abramovich? È esigente ma è molto appassionato. Non subisce il calcio ma vuole sapere. È venuto tanto volte per vedere gli allenamenti e per stare con il gruppo. Vuole conoscere e questo è bellissimo. Qui la struttura è straordinaria e io lavoro di più che in Italia. Noi allenatori siamo figli dei risultati, anche se il risultato è fine a se stesso perché quello che più conta è il lavoro. La figura del manager è più totalizzante, la sfida è stimolante e sono da solo perché la mia famiglia per il momento è rimasta in Italia. Ho la voglia di portare qui le mie idee e il mio metodo, anche se in Italia siamo più pronti a lavorare su tattica e su altri aspetti che qui sono secondari. Differenze con la mia prima Juve? Là conoscevo tutto, sapevo come intervenire su ogni cosa e probabilmente è stato più facile. Qui è tutto nuovo, ma a livello di calciatori ho trovato grandissimi talenti. Ma il talento va lavorato perché si possa inserire in una squadra. Si sa che non vivo bene la sconfitta, cerco di evitarla in tutti i modi. Con il lavoro, anche maniacale. Voglio che i giocatori abbiano più informazioni possibili per evitare di perdere. Se poi si perde… dovrei prenderla più serenamente, me lo dice anche la mia famiglia. Io invece non dormo, cerco di capire perché. Mi piacerebbe, a volte, essere più superficiale. Ma il giorno in cui sarò più superficiale avrò perso tutto quello che sono”.