158
E' stato un buon Milan quello visto all'opera all'Allianz Stadium. Per lunghi tratti ha costretto alla difensiva la Juventus, ha proposto qualcosa di interessante dal punto di vista tattico con le distanze giuste tra un reparto e l'altro. Nonostante sia arrivata la settima sconfitta su dodici partite, la sensazione che lascia il Diavolo questa sera è agrodolce.

5 BUONE NOTIZIE - Pioli dovrà lavorare molto con i suoi ragazzi in queste due settimane di sosta perchè la classifica è troppo brutta per essere vera. Ma ci sono almeno 5 punti dai quali ripartire: in primis la prestazione, molto positiva, di Andrea Conti. Si è rivisto il terzino propositivo e con buona gamba ammirato all'Atalanta, la speranza è che la sfortuna lo abbia abbandonato. Segnali decisamente incoraggianti sono arrivati da Bennacer che ha lottato come un leone in mezzo ai tanti campioni della Juventus. L'algerino ha giocato con personalità, ha dettato i tempi ed è in crescita. Come il suo compagno Krunic che ha confermato le buone sensazioni già lasciate nella precedente esibizione contro la Lazio. Un'ottima notizia per il Milan anche in chiave mercato, perché con un Rade così si può fare a meno dell'irrequieto Kessie a gennaio. Senza dimenticare la prova finalmente da leader di capitan Romagnoli fino all'errore su Dybala e la grande produzione offensiva, con i tanti tiri in porta con Paquetà, Calhanoglu e Piatek. Il problema della scarsa vena realizzativa rimane, a questa squadra manca terribilmente un attaccante che sappia finalizzare il gioco ma da questa sconfitta, immeritata, forse può nascere un nuovo Milan in grado di cancellare una classifica davvero orribile.