82
Giuseppe Conte, presidente del Consiglio, parla alla Bild, commentando così l’emergenza coronavirus: “Non dobbiamo arretrare rispetto a Cina e Usa che mettono al momento a disposizione il 13% del loro Pil. Io chiedo un ammorbidimento delle regole di bilancio. Altrimenti dobbiamo fare senza l'Europa e ognuno fa per sé. Non dobbiamo alla fine starcene lì con le mani incrociate: operazione riuscita, ma il paziente Europa è morto. La Germania non ha vantaggi se l'Europa sprofonda nella recessione. Dobbiamo sviluppare gli strumenti fiscali necessari. Non pretendiamo che la Germania e l'Olanda paghino i nostri debiti.. Ma vanno allentate le regole di politica fiscale”. 
DELUSO - “La delusione non è mia, di Giuseppe Conte, la delusione è di tutti gli europei, anche dei cittadini tedeschi, ne sono convinto. La curva epidemiologica sta migliorando, le misure prese stanno dando i loro effetti positivi. Abbiamo un sistema sanitario molto efficiente ed articolato. ma è chiaro che un’emergenza così concentrata lo ha messo a dura prova, abbiamo reagito potenziando il sistema e stiamo creando 68 ospedali covid dedicati per evitare così che anche il personale medico possa essere esposto a soverchio pericolo. La Commissione Europea sta ora recitando un ruolo importante, in una battaglia comune. Le misure severe di Paesi come Italia e Spagna che deprimono le nostre economie e mettono a dura prova i tessuti socio-economici, e se anche gli altri Paesi europei non facessero altrettanto, potremmo essere esposti a contagi di ritorno pagando un inaccettabile doppio prezzo, tutti dobbiamo fronteggiar all'unisono questo nemico invisibile comune”.