110
La pandemia coronavirus cambia il mondo. Calciomercato.com segue in tempo reale i principali aggiornamenti di giornata. 

18.55 Blocco viaggi in Grecia: domani colloquio Di Maio-Dendias​, ministri degli Esteri delle rispettive nazioni.

18.20 La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 54.118 tamponi e individuati 355 nuovi positivi al COVID-19. Sono guarite 1.874 nuove persone (157.507 in totale) e gli attualmente positivi sono così 42.075, con una decrescita di 1.616 pazienti rispetto a ieri. Rispetto all'ultimo bollettino, sono morte 75 nuove persone per un totale di 33.415 decessi dall'inizio dell'epidemia. Di seguito tutti i dati odierni:

Attualmente positivi: 42.075
Deceduti: 33.415 (+75, +0,2%)
Dimessi/Guariti: 157.507 (+1.874, +1,2%)
Ricoverati in Terapia Intensiva: 435 (-15, -3,3%)
Tamponi: 3.878.739 (+54.118)
Totale casi: 233.019 (+355, +0,2%)​

17.55 La Regione Lombardia ha reso noti i dati delle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 14.301 tamponi e individuati 210 nuovi positivi al coronavirus. Gli attualmente positivi sono 20.996, 813 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 33 persone affette da COVID-19 per un totale di 16.112 dall'inizio dell'epidemia. Sale il numero dei guariti: 5.860, +990 rispetto a ieri.


15.50 "Le cose stanno procedendo bene, per cui mi auguro che si continui così in queste serate di questo anomalo ponte del 2 giugno. Se tutto continuerà così, io tornerò sui miei passi e tornerò a permettere anche l’asporto delle bevande alcoliche". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel consueto video sulle sue pagine social dove ha tracciato un bilancio delle serate in questo ponte del 2 giugno alla luce dell’ordinanza che vieta l’alcool da asporto dopo le 19. 

15.15 Il Brasile è diventato il quarto Paese al mondo per il numero dei decessi causati dal coronavirus, 28.834, secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute che segnalano altri 956 morti in 24 ore. Il gigante sudamericano di 210 milioni di abitanti ha così superato la Francia e segue Stati Uniti (103.000 morti), Regno Unito (38.376) e Italia (33.340). Il Brasile ha anche messo a segno un nuovo record giornaliero di contagi (26.928), per un totale di 465.166 persone infettate dall’inizio della pandemia.


13.30 La Grecia non si ferma e annuncia nuovi blocchi agli accessi dai Paesi maggiormente colpiti dall'emergenza coronavirus, specificando che saranno fortemente i voli provenienti da alcune località a rischio, Italia compresa. In particolare, aerei provenienti da Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna potranno fare scalo ad Atene e Salonicco, le due città che dal 15 al 30 giugno ospiteranno i voli internazionali, ma all'arrivo i passeggeri provenienti da quelle aree saranno sottoposte a un periodo di quarantena (di una o due settimane a seconda dell'esito dei tamponi). “Ulteriori restrizioni relative ad alcuni paesi saranno annunciate in un secondo momento” avverte l’ambasciata.


10.35 Sono oltre sei milioni (6.003.762) i casi di coronavirus registrati nel mondo, di cui 1.760.740 negli Usa. Il numero totale dei morti a livello globale ammonta a 367.183. Sono i dati forniti dalla Johns Hopkins University.


9.00 Il governatore del Veneto Luca Zaia ha parlato alla trasmissione "Stasera Italia Weekend" di Rete 4: "La patente di immunità non sta in piedi perché il tampone è istantaneo ma non dà garanzie che il turista non sviluppi una positività dopo. Capisco la preoccupazione ma non si può aprire a macchia di leopardo. Le aperture sono possibili se tutti noi siamo responsabili, e noi veneti abbiamo dimostrato responsabilità". Sulla Grecia: "Grida vendetta l’ostracismo nei nostri confronti, che mi sembra anche un ostracismo suicida, perché il nostro bilancio turistico con la Grecia è nettamente a favore di questo Paese. Non capisco perché si tenga una posizione del genere, che non ha una base scientifica, tanto meno epidemiologica",


8.30 In Spagna, i socialisti del Psoe al governo hanno raggiunto un accordo con i repubblicani catalani di Erco perché questi ultimi si astengano al voto in Congresso per il via libera alla sesta proroga dello stato di allerta nel paese per la pandemia da coronavirus per altri 15 giorni.