Commenta per primo

Cosenza e Pisa, con motivazioni diverse, hanno dato vita ad una partita vivace. Prima parte di gara che ha visto protagonisti i padroni di casa, trainati da un carismatico De Rose, e sfiorare il vantaggio con Di Bari, Daud, Essabr e Mazzeo grazie ad un gioco ben organizzato, rapido ed in verticale. Gli ospiti si sono resi pericolosi in due occasioni con Obodo, sulle quali è stato bravo Petrocco. Seconda parte di gara che non cambia tema. Sempre Cosenza. L'ingresso di Biancolino aumenta la pressione sulla difesa toscana. Al 55' Essabr dalla distanza impegna Lanni. Il Pisa cerca di pungere ma la difesa rossoblù è attenta. Al 67' De Rose dalla destra mette in mezzo per Essabr che in tuffo manda di poco a lato. Applausi. Il Cosenza costruisce ma non concretizza. Pisa protagonista nel finale ma senza produrre gioie.

COSENZA

L'allenatore del Cosenza Paolo Stringara: 'Non sono contento. In casa non possiamo concedere punti agli avversari. Oggi è mancata la cattiveria giusta per chiudere la partita. Un buon primo tempo, mentre nel secondo abbiamo subito una maggior intraprendenza del Pisa. Dobbiamo crescere sia mentalmente sia atleticamente. C'è tanto da lavorare ed occorre recuperare gli infortunati. Da domenica mi aspetto maggior determinazione nel cercare la vittoria'.

PISA

L'allenatore del Pisa Stefano Cuoghi: 'Abbiamo affrontato un buon Cosenza. È un campo difficile e tornare a casa con punti nel sacco è importante. Abbiamo avuto la possibilità di portarci in vantaggio e l'abbiamo sprecata. Dobbiamo essere più concreti. Il finale di partita in crescendo dimostra che stiamo migliorando sotto l'aspetto fisico. Sono contento del lavoro svolto da Mosciaro e Obodo, due elementi che saranno protagonisti in questo campionato ma devono capire la propria forza, qualità che è immensa. Siamo sulla strada giusta'.