1
Gli inizi in salita per le matricole della serie A sono l’ordinario, non certo lo straordinario, ma per quanto riguarda la Cremonese,  c’è una variabile  molto importante da considerare. La società grigiorossa  ha  chiesto infatti  espressamente di poter disputare le prime due giornate in trasferta. Quelle che oggi si sa, saranno contro Fiorentina e Roma.

Lo ha fatto, per poter concludere i lavori di ammodernamento dello stadio Zini ed essere pronta per l’esordio casalingo della terza giornata, il 27 o 28 agosto. Considerando che la quarta partita, il 31 agosto però,  sarà in trasferta contro l’Inter, quella terza giornata in casa con il Torino, rischia di essere già determinante. Soprattutto per il morale, di una squadra rivoluzionata, che non calca il palcoscenico della serie A da 26 anni.

La curiosità è che il neo allenatore Max Alvini, anche lui esordiente nella  massima serie, partirà proprio dalla sua Firenze ( lui è di Fucecchio).L’allenatore ha dichiarato di aspettarsi proprio l’esordio  in Toscana e  nell’ambiente, c’è molta attesa per vedere in pratica la sua idea di calcio.  Per stessa ammissione del mister infatti, si scenderà in campo: "con l’obiettivo di dominare il gioco". Una dichiarazione  certamente non diplomatica,  che da una parte  fa  sognare i tifosi grigiorossi e dall’altra  pone un interrogativo. È genio o follia?