Croazia-Inghilterra 2-1

CROAZIA


Subasic 5,5: non incolpevole sulla punizione calciata da Trippier, si riscatta a metà con un paio di buoni interventi, di cui uno decisivo su Kane.

Vrsaljko 7: spinge come un motorino sulla fascia e regala a Perisic l'assist del gol del pari, poi salva un gol fatto di Stones sulla linea di porta. Ottimo Mondiale per l'ex Sassuolo.

Vida 6,5: non soffre Kane ma la velocità di Sterling, che prova a limitare come può. Partita di ordinaria amministrazione

Lovren 6: idem come sopra, si rende protagonista di un paio di pregevoli anticipi e conferisce personalità alla difesa,

Strinic 5,5: il peggiore dei croati, timido e impacciato. Rischia di commettere un paio di errori decisivi nell'economia della partita. (dal 94' Pivaric 6: senza infamia né lode, copre senza proporsi troppo ma almeno non lascia buchi).

Rakitic 6: ci si aspetta più precisione da un centrocampista con la sua tecnica, forse patisce l'emozione della semifinale mondiale.

Brozovic 6,5: di lotta e di governo, nella Croazia il suo apporto polmonare e di ripartenza è fondamentale.  SI divora il gol del 2-1 nei supplementari

Perisic 8: assolutamente inesistente per i primi 60', si riscatta con uno splendido gol in acrobazia e diventa il peggior incubo per gli inglesi con le sue acccelerazioni, tanto da fornire il decisivo assist a Mandzukic. 

Modric 7: il cervello della squadra di Dalic, gestisce al meglio anche i palloni più complicato. Vero faro di questa Croazia (dal 118' Badelj sv)

Rebic 6,5: corona un Mondiale da assoluto protagonista. E' in uno stato di forma fantastico e gli avversari faticano a stargli dietro, è tutto velocità e spunti (dal 100' Kramaric 6: entra per dare qualcosa in più, ma non regala grandi spunti).

Mandzukic 7: gioca di sponda e favorisce gli inserimenti dei compagni, si rende poche volte pericoloso al tiro fino al gol che vale la storia. Stoico condottiero e trascinatore.

All. Dalic 7,5: la sua Croazia è un capolavoro di tecnica e abnegazione, verrà ricordato a lungo in patria come il "normalizzatore" che ha portato i suoi a un passo dalla vetta del mondo.
INGHILTERRA

Pickford 6: qualche brivido con il pallone tra i piedi, ma la parata su Mandzukic ai supplementari è un capolavoro di istinto e coraggio. Nulla può sui due gol.

Walker 5,5: salva un gol fatto mettendo il corpo, si fa anticipare da Perisic sul pareggio (dal 112' Vardy sv).

Stones 4,5: primo tempo positivo, nella ripresa il crollo. Sbaglia spesso in impostazione, si perde completamente Mandzukic sul 2-1 della Croazia ed è un errore fatale per l'Inghilterra. Sfiora il gol di testa, ma Vrsaljko gli sbatte la porta in faccia.

Maguire 5: partecipa con Stones al pasticcio che costa l'eliminazione, termina male un ottimo Mondiale.

Trippier 6: la punizione che porta in vantaggio gli inglesi conferma tutte le qualità del suo destro, da rivedere in fase difensiva. Si lascia sfilare facilmente sul pareggio da Perisic, che nella ripresa lo fa a fette. Sovrastato dall'esterno croato anche in occasione del 2-1, sponda che porta alla rete di Mandzukic. Chiude con un infortunio nel momento del forcing.

Lingard 5: fa tante piccole cose, ma nessuna gli riesce fino in fondo.

Henderson 6: diga precisa e puntuale davanti a Stones, si fa desiderare in fase di possesso (dal 97' Dier 5,5: prosegue il lavoro di Henderson, ma offre meno copertura del compagno).

Alli 5: mai al centro del gioco, la superiorità tecnica del centrocampo croato lo manda in crisi e anche il fisico non lo aiuta a reagire.

Young 6: si produce in ottimi cross e in una chiusura decisiva su Rebic, poi nella ripresa si spegne (dal 91' Rose 5,5: meno propositivo di Young, contiene come può le folate di Rebic e compagni).

Kane 4,5: non sembra neanche sceso in campo. Non aiuta i compagni e non crea pericoli, gli unici palloni giocabili che gli arrivano non vengono sfruttati a dovere, come ha abituato nel resto del Mondiale o in stagione. Clamoroso in questo senso il doppio errore sotto porta nel primo tempo, prima conclusione contro il portiere e poi palo da due passi. Partita estremamente negativa, l'Inghilterra ne paga le conseguenze.

Sterling 5: inconsistente. Prova a mettere in apprensione la difesa croata con la sua rapidità, non ci riesce quasi mai (dal 74' Rashford 5: crea qualche grattacapo con la sua velocità negli allunghi, ma alla lunga la difesa croata gli prende le misure).

Ct Southgate 5: il gol di Trippier sembrava aver messo in discesa la partita, ma quello dell'Inghilterra è un lungo declino fino alla disfatta. Anche lui ha le sue colpe, non riesce a trovare i giusti correttivi per arginare la ferocia dei croati e l'esuberanza di Perisic. Nel momento clou viene tradito dai suoi uomini chiave: Stones chiude con un errore Mondiale, Kane sparisce nel momento del bisogno.


@AleDigio89 e @Albri_Fede90