73
Un grido d’allarme, misurato ma forte: Antonio Conte è in continuo contatto con Marotta e Ausilio, pianifica con loro strategie e situazioni di mercato. A sinistra, in un ruolo chiave nello scacchiere del tecnico salentino, l’Inter è in difficoltà. Asamoah è rientrato in gruppo, ma non riesce a recuperare pienamente dal problema alla cartilagine del ginocchio.

ASAMOAH NON RECUPERA - Le sue condizioni preoccupano, come evidenziato da Conte in conferenza stampa: “Come sta Asa? E' giusto che risponda il settore medico. Per il resto noi abbiamo fatto una valutazione, la società sa benissimo quale è. Il club conosce la situazione e prenderà delle decisioni che saranno comunque positive. Da qui fino alla fine del mercato non risponderò a domande su questo aspetto perché spetta al club rispondere. Ripeto che abbiamo fatto delle valutazioni e il club prenderà la decisione migliore per il bene del club”.
LA SITUAZIONE - Nessuna risposta diretta, ma un’implicita ammissione di discorsi su come rafforzare un ruolo in difficoltà. Sul mercato i profili che piacciono di più, per la fascia sinistra, sono sempre gli stessi: Marcos Alonso e Darmian. Due situazioni diverse: il Chelsea per lo spagnolo continua a chiedere 35 milioni di euro, se non subito con un prestito con obbligo di riscatto a fine stagione. Una spesa a cui andrebbe aggiunto l’ingaggio da oltre 3 milioni di euro da garantire al giocatore. Che da Lampard non è considerato fondamentale, ma allo stesso tempo sconti non sono previsti. I nerazzurri allora temporeggiano e prendono tempo. Anche la pista che porta a Darmian si è però raffreddata, quantomeno a gennaio. L’Inter ne ha parlato con il Parma, ma senza una cessione nel reparto arretrato difficilmente affonderà il colpo subito. Allora avanti senza fretta, gennaio è lungo. Entro la fine del mese, come richiesto da Conte, verrà aggiunto un laterale mancino in rosa.