58
La Fiorentina, durante il mercato di gennaio, come soluzione all’atavica assenza di un centravanti di ruolo ha deciso di puntare sull’ipotesi esotica, andando a comprare dallo Spartak Mosca Sasha Kokorin. Il classico giocatore genio e sregolatezza, capace di far vedere cose fantastiche in campo, ma anche di inspiegabili follie fuori dal rettangolo verde, che sono costate al giocatore addirittura il carcere. Una sorta di Balotelli peggiore, e in salsa russa, forse non la scelta più logica da fare in un momento di grande difficoltà, sicuramente stimolante ma ad altissimo tasso di rischio.

SCOMMESSA – Dopo quasi due mesi, la scommessa con l’attaccante russo fin qui è stata persa. Il giocatore ha giocato due scampoli di gara, contro Inter e Roma, e in entrambe ha peggiorato la sua condizione fisica. Arrivato in Italia durante la preparazione, aveva ammesso di sua sponte di aver bisogno di almeno 40 giorni per entrare in condizione fisica, e gli è bastato poco per fare diversi passi indietro. Il giocatore, infatti è fermo dal 3 Marzo, quando dopo la sfida contro i giallorossi ha nuovamente visto la sua situazione peggiorare, tanto da dover andare addirittura a Villa Stuart a curarsi. Il giocatore ha passato oltre un mese tra terapie e recupero, ed ha da poco incontrato Beppe Iachini, nuovo tecnico viola.

FUTURO – Kokorin dovrebbe tornare arruolabile per la sfida contro il Sassuolo, che la Fiorentina giocherà il 17 Aprile al Mapei Stadium. Il russo, che doveva essere una risorsa per la viola, è stato fin qui più che altro un problema, visto che nonostante l’arrivo di un attaccante in rosa, di fatto l’unico giocatore che è sempre stato disponibile è stato Vlahovic. La società viola adesso spera di poter vedere l’ex Spartak Mosca in campo nelle ultime, delicate, sfide della stagione, per poter fra nascere finalmente un rapporto ancora mai sbocciato. Kokorin ha altri 3 anni di contratto con la Fiorentina, e per forza di cose la società punta forte sul suo rilancio futuro.