1
È un'estate calda in casa Napoli con tante partenze pesanti tra le quali spiccano quella dell’ormai ex  capitano Insigne. A sostituire l’esterno della nazionale italiana è arrivato Kvaratskheila, georgiano  classe 2001 da cui ci si aspetta tanto. Il Napoli però ha in casa Alessio Zerbin, lo scorso anno in  prestito al Frosinone.  

L’attaccante si è messo in mostra con 9 reti e 3 assist ma soprattutto è stato il vero trascinatore della  squadra laziale. Nella sua stagione spicca però il recente e chiacchierato esordio in Nazionale  maggiore nei minuti finali della gara di Nations League contro l’Ungheria. Zerbin però non è il solo  azzurro ad aver esordito in una nazionale nello scorso mese. Gianluca Gaetano e Alessandro Zanoli  si sono resi protagonisti con la Nazionale U21 di mister Nicolato, il primo trovando anche la rete  del 3-0 nella sfida contro i pari età del Lussemburgo. La stagione di Gaetano è stata un crescendo,  terminata con l’inaspettata promozione in Serie A della sua Cremonese, mettendo a segno 7 reti e 5 assist, con prestazioni sempre sopra la media. 

Il ragazzo era già balzato agli occhi di Ancelotti che nel 2019 l’ha fatto esordire prima in Coppa  Italia e in campionato, e a seguire in Champions League contro la formazione belga del Genk, nel  giorno del suo esonero. 
L’unico dei tre ad essere già aggregato alla prima squadra è Alessandro Zanoli, classe 2000, che ha  stregato Spalletti nello scorso ritiro estivo, convincendolo a tenerlo in rosa come alternativa a Di  Lorenzo. Il terzino si è fatto trovare pronto quando nella parte finale di stagione Di Lorenzo si è  infortunato, con dodici presenze in Serie A e una in Europa League. Prestazioni che gli sono valse la  convocazione in U21, con conseguente esordio nella stessa gara del compagno Gaetano. 

I tre si ritroveranno a luglio nel ritiro estivo del Napoli, dove proveranno a strappare una riconferma  nella rosa di Spalletti. Se per Zerbin c’è il vuoto lasciato da Insigne, per Gaetano c’è tantissima  concorrenza, con un reparto di centrocampo che vede giocatori come Fabian Ruiz, Zielinski,  Anguissa e Lobotka. L’età e le qualità sono però dalla loro parte e viste le stagioni disputate sognare  una conferma in maglia azzurra non è un’utopia. 

Dopo l’addio doloroso di un figlio di Napoli come Insigne gli azzurri potrebbero ritrovarsi in casa il  futuro capitano, arrivato dalla Primavera proprio come fu per Lorenzo anni fa.