13
Una maglia, nove categorie e mille sorrisi. Samuele Ricci oggi è in Serie A con l'Empoli, ma se si volta indietro vede un ragazzino che insegue un sogno col pallone tra i piedi. A 9 anni il primo bivio della sua vita: da una parte la società di Corsi, dall'altra la Fiorentina. Lui, troppo piccolo per decidere; ci pensa la famiglia: mamma Laura e papà Alessandro scelgono la divisa azzurra dell'Empoli - e della Nazionale, ma quella arriverà in futuro - e Samu non se la toglierà più. Dagli Esordienti alla Serie A, sempre con una sola maglia. 

LA STORIA - Un salto da fare tutto d'un fiato, senza mai tirare il freno a mano: una carriera da predestinato nella quale non è mai stato più di una stagione nella stessa categoria. Solo in Serie B è successo, ma ne è valsa la pena perché ora per lui si spalancano le porte del grande calcio. Classe 2001, Samuele è l'orgoglio di casa Ricci. Dei genitori ma anche della sorella maggiore Sara, iscritta all'università di lingue e che non si perde una sola partita del fratello. Sono i primi ai quali il giocatore ha pensato dopo la vittoria col Cosenza: una corsa nello spogliatoio a prendere il cellulare e tac, videochiamata da centrocampo per far vivere anche a loro la gioia della promozione. Lui al centro del campo e del mondo.



IL RUOLO - Sempre lì, lì nel mezzo, lui. Titolare in qualsiasi categoria, recupera palloni come Oriali ma non solo. Una vita da mezz'ala più che da mediano, fino alla Primavera dove incontra Zauli (oggi sulla panchina dell'Under 23 della Juve, ndr) che lo sposta un po' più al centro con compiti da regista. Uno degli allenatori più importanti nella sua crescita insieme a Buscè e Bucchi, col quale ha debuttato in Serie B. Il rendimento da play è ottimo, ma nei meccanismi dell'Empoli di Dionisi è tornato alle origini totalizzando 35 presenze, 2 gol e 4 assist da interno di centrocampo. Avete presente il romanista Villar? Ecco, Ricci ha caratteristiche molto simili allo spagnolo.
STUDIOSO - Un pallone tra i piedi e i libri sotto braccio, due percorsi fondamentali nella vita di Samuele che vanno avanti in parallelo: finita la maturità, quest'anno si è iscritto alla facoltà di Economia Aziendale alla Luiss e frequenta il corso 'Top atleti' riservato ai professionisti. E all'università ha già fatto la sua tripletta: primi tre esami andati, sospiro di sollievo e sorrisone come dopo una vittoria. A 19 anni ha già una maturità da adulto, ragazzo serio e con la testa sulle spalle. Sapete come ha passato le 24h dopo la promozione? Nessuna festa o uscite con gli amici. Testa sui libri e studiare per l'esame di Economia alle porte. 

FUTURO - Quello di Ricci è un identikit che conosce bene la Juventus, che nell'estate del 2018 si era interessata al ragazzo dopo un grande Europeo Under 17. Samu piaceva molto ai bianconeri così come a Ralf Rangnick. Alla fine Ricci è rimasto nella sua Empoli per conquistarsi la Serie A, e ora che l'opera è compiuta è già con la testa al prossimo Europeo Under 21 in programma quest'estate dopo aver vestito le maglie di tutte le altre Under azzurre. Una vetrina importante per un futuro tutto da scrivere. Nell'Empoli o da altre parti, ma sempre con lo stesso sorriso di quel ragazzino di 9 anni.

@francGuerrieri