16
Le dimissioni di Louis Camilleri dal ruolo di ad della Ferrari aprono nuovi scenari per la posizione di comando del Cavallino. Un articolo di Dagospia analizza la questione, con un focus particolare dedicato ai rapporti fra John Elkann, presidente Fca, e il cugino Andrea Agnelli, presidente della Juventus

Si legge su Dagospia: "In casa Agnelli il feeling tra i due cugini John e Andrea resta pessimo. L'amministratore delegato di Exor, cassaforte di famiglia e che ha dunque l'ultima parola sulle decisioni che contano nel gruppo, sta cercando il sostituto di Camilleri, che da un giorno all'altro ha mollato la Ferrari, dopo una stagione di Formula 1 particolarmente disgraziata".

Elkan, prosegue l'articolo, "ha un nome che gli frulla per la testa: Alessandro Nasi, suo lontano ma influente cugino. Il ramo dei Nasi ha il 27% delle quote della Giovanni Agnelli e C. S.a.p.az., l'accomandita che controlla la Exor (Alessandro è vicepresidente della società insieme ad Andrea Agnelli). Più noto per essere diventato il fidanzato di Alena Seredova dopo la rumorosa rottura con Buffon (...)". 

E ancora: "Insomma è un ingranaggio discreto ma consolidato della nuova generazione di Agnelli, e una sua promozione ad amministratore delegato di Ferrari lo catapulterebbe nella prima linea familiar-aziendale. Cosa che sta facendo venire un embolo al povero Andrea, che da quando è un bambino sogna di entrare in Ferrari, tanto da aver lavorato in Formula 1 quando era più giovane".