Commenta per primo
La rincorsa dell’Australia verso gli ottavi del Mondiale parte all’ora di gioco della partita decisiva. La progressione di Mathew Leckie contro la Danimarca copre tre quarti del prato dell’Al Janoub di Al Wakrah e vale l’1-0 che riporta i Socceroos al punto più alto della storia calcistica del Paese. In un’impresa già riuscita solo nel 2006. 

PROTAGONISTA - Il match winner della gara è stato il centrocampista classe ’91. Da stasera, l’australiano più presente alle fasi finali dei Mondiali insieme a Maty Ryan e a leggende come Tim Cahill e Mark Bresciano: 9 le gare giocate, frutto delle tre presenze consecutive in tutte e tre le partite dei gironi di Brasile 2014, Russia 2018 e, appunto, Qatar 2022. Pochi giorni fa, il "7" dei Socceroos aveva caricato il suo ambiente in conferenza stampa: "La Coppa del Mondo unisce davvero la nazione. Basta guardare la televisione per capire l’atmosfera". 
NEL DESTINO - Leckie oggi gioca in patria, nel Melbourne City, e ha iniziato a tirare calci al pallone sempre a due passi da casa, all’Adelaide United, tra il 2009 e il 2011. In mezzo, tanta Germania e tanta Bundesliga, con 9 anni divisi tra Borussia Mönchengladbach, Fsv Francoforte, Ingolstadt ed Hertha Berlino. Prima del ritorno nel continente nel 2021, per dare l’assalto al terzo Mondiale con la sua nazionale, con cui ha vinto la Coppa d’Asia nel 2015: "Possiamo creare qualcosa di speciale, come ha fatto la squadra del 2006". Tempi lontani, in cui il centrocampista si innamorò del pallone: "Ciò che ha portato la mia famiglia a seguire il calcio è stata la nazionale, insieme alla Coppa del Mondo". Punti di vista.

UNA STORIA DIVERTENTE - Nel bene e nel male, Leckie è stato fin qui uno dei protagonisti dell’Australia. Fin dalla prima partita contro la Francia, in cui ha servito l’assist per il momentaneo 1-0 di Goodwin ed è stato poi coinvolto - senza colpe - nell’azione che ha portato all’infortunio di Lucas Hernandez. Durante la gara d’esordio, inoltre, il fun fact. I tifosi australiani si sono divertiti a far notare come Leckie avesse la stessa pronuncia del termine gergale usato per dire… "elettricità". Stranezze. I social si sono scatenati con giochi di parole diventati presto virali. Che poi, la realtà non è stata nemmeno troppo distante: Leckie ha dato la scossa all’Australia. E ora, nessun limite.