78
Mesi di riposo, dopo una stagione stancante e vincente. Dopo aver trovato l'accordo con l'Inter per la risoluzione consensuale del contratto, lo scorso 26 maggio, Antonio Conte si è preso una lunga pausa, per ricaricare le batterie, fisicamente e mentalmente. Per uno che vive di calcio, a 360 gradi, sette giorni su sette, passare un agosto lontano dai campi di calcio è sempre strano, ma era inevitabile dopo dodici mesi logoranti, chiuso con la conquista meritata dello scudetto. Con i nerazzurri c'era differenza di vedute, non c'era possibilità di continuare insieme, meglio diversi, prendere due strade diverse. Ma non è ancora il momento per il prossimo step. 

IN ATTESA - Conte in queste settimane è stato al centro di sondaggi dalla Major League Soccer, dove allenerà, ad Atlanta, l'ex guida della Roma Paulo Fonseca, ma una sfida al di là dell'oceano, che è nei suoi pensieri, è ora lontano dai suoi piani. Tra qualche anno, certamente, ma non ora. Il prossimo futuro è una nuova avventura in Europa, magari in Premier League, dove vorrebbe tornare dopo l'esperienza al Chelsea. Conte per ora resta alla finestra  e potrebbe vivere l'anno sabbatico in tv: ha ricevuto una proposta da Sky per essere un ospite fisso per le trasmissioni di Champions League.