56

Ora è ufficiale Sir Alex Ferguson lascia il Manchester United. Lo ha comunicato il club  inglese con una nota sul sito ufficiale. Il tecnico scozzese guiderà i Red Devils per l'ultima volta il 19 maggio contro il West Bromwich: "E' il momento giusto per prendere questa decisione - ha detto Alex Ferguson-. Per me è importante lasciare una squadra competitiva, con una grande organizzazione, che possa essere protagonista per molto tempo. Nel prossimo futuro sarò Direttore e Ambasciatore del club". Il Manchester United ha lanciato sul suo profilo twitter (ManUtd_PressOffice) l'hashtag #thankyousiralex per ringraziare Ferguson.

Tantissimi i commenti all'addio di Sir Alex Ferguson alla panchina del Manchester United.
 
Cristiano Ronaldo: "Grazie di tutto, boss". 
 
David Beckham: "Tralasciando tutti i trofei che ha vinto, credo che nessuno nella storia del calcio abbia mai avuto lo stesso impatto di Ferguson nei confronti del club, dei giocatori e dei tifosi". 
 
Peter Schmeichel: "Sono triste e amareggiato, non mi aspettavo che quel giorno sarebbe arrivato oggi. Conoscendo Sir Alex da piu' di 20 anni, non ha senso che smetta proprio ora". 
 
Paul Ince: "Quello che ha fatto e' incredibile e non si ripetera' mai piu'. Due settimane fa diceva di voler rimanere altri due anni, quindi e' una vera sorpresa. Mi ha sempre trattato come un figlio". 
 
Ruud Van Nisterlooy: "219 partite, 150 gol sotto la guida del tecnico piu' vincente nella storia del calcio. E' stato un privilegio unico". 
 
Edwin van der Sar: "Si attendeva la notizia ormai da tempo, ma e' comunque uno shock che non e' ancora stato metabolizzato. Un grande allenatore e una persona deliziosa". 
 
Sven Goran Eriksson: "Bisogna rispettare la sua decisione, ma pensavo veramente che sarebbe rimasto sulla panchina del Manchester qualche anno in più. I suoi successi con il club sono enormi. Penso che siano un po' tristi per la sua decisione, lui e' una leggenda. E' il manager di maggior successo di sempre".
 
Gianfranco Zola: "Quello che mi ha sempre impressionato e' che le sue squadre non hanno mai mollato niente, capitava che lo United perdeva 2-0 o 3-0 e poi ribaltava la situazione. La squadra gestita da lui non ha mai mollato fino alla fine e secondo me era la qualita' migliore, e' stato il marchio di fabbrica della sua gestione, non ricordo partite semplici con lo United perche' sapevi che dovevi combattere fino alla fine". 
 

Roberto Baggio: "Onore a Sir Alex Ferguson. Farà uno strano effetto non vederlo più in panchina. Leggenda".

 

00.10 Una notizia bomba, che coglie di sorpresa tutti gli amanti del calcio inglese e non. Sir Alex Ferguson lascerà la panchina del Manchester United entro la fine della settimana, dopo 26 anni alla guida dei Red Devils. Lo scrive in prima pagina l'affidabile Times, secondo il quale alla base della scelta del tecnico scozzese ci sarebbero problemi di salute che lo tormentano da tempo. L'annuncio, ritardato per via delle regole della borsa di New York dove il club è quotato, potrebbe essere dato dopo la partita interna con lo Swansea. In Inghilterra è già caccia al sostituto, da tempo si fa il nome di  David Moyes, tecnico dell'Everton, gradito dallo stesso Ferguson, ma non è da escludere che alla fine sulla panchina di Old Trafford possa sedersi Mourinho, il cui accordo con il Chelsea, secondo il Times, non è ancora stato raggiunto. Secondo i bookmakers, il Manchester sta vagliando anhe la candidatura di Antonio Conte, il quale che gode di grande considerazione presso lo stesos sir Alex.

L'amministratore delegato David Gill ha spiegato: "Penso che ci muoveremo abbastanza in fretta, il successore di Ferguson dovrà avere esperienza in ambito nazionale ed europeo. Qualsiasi tecnico arriverà, troverà una grande squadra e un grande staff. E' un lavoro da sogno. Non intendo fare speculazioni sull'annuncio".