6
Luigi De Canio, ex allenatore tra le altre del Napoli, parla del campionato dell'Inter a Sky Sport: "Inter e Juve le più accreditate per profondità della rosa e poi come outsider il Napoli. Milan sorpresa positiva del campionato, aveva problemi di formazione e non si è mai pianto addosso e ha risposto con continuità di prestazioni. Bacio di Conte ad Hakimi era liberatorio per momento difficile della gara, era il pensiero di un altro passo verso l'obiettivo. Eriksen? L'intelligenza dell'uomo che ha saputo aspettare e far capire al proprio calciatore cosa fosse importante da dare alla squadra e quando Eriksen l'ha capito lui lo ha fatto giocare con continuità riconoscendone le qualità tecniche. Quando era a Siena con me, parlando con lui gli chiedevo e lui mi disse una cosa che rimase impressa: la forza della Juve quando lui era a fine carriera erano proprio i giocatori che giocavano meno come lui. Quando quelli fuori si impegnano più die titolari, creano tensione nei titolari e lui era uno di quelli che rimproverava chi si impegnava poco".