68
Quasi come nelle favole. Daniele De Rossi non dimenticherà mai l’esordio con la maglia del Boca Juniors. L’ex centrocampista della Roma ha giocato nella notte la prima gara e ha subito lasciato il segno: un gol di testa, su corner, alla sua maniera, per mandare in visibilio il popolo del Boca. Daniele ha esultato emozionato e ricevuto un’ovazione dei 25 mila tifosi Xeneizes presenti allo Stadio Unico di La Plata. Dopo la sua sostituzione al 76’, però, il suo Boca Juniors si fa pareggiare e viene eliminato dalla Copa Argentina contro l’Almagro, club di seconda divisione. Ai rigori finisce 3-1. 


TIFOSI GIÀ PAZZI - De Rossi gioca mediano classico, accanto a Nicolas Capaldo. L’ex capitano della Roma diventa sin da subito leader del centrocampo e dà geometrie alla manovra del Boca Juniors. Prova qualche lancio lungo a innescare la velocità di Mauro Zarate, fino al gol, al 28’, il primo. De Rossi su corner di Mac Allister sfugge alla marcatura di Benitez e segna sotto porta. “Ole, ole, ole, ole, Tano, Tano!”, canta la Numero 12. De Rossi paga con un’azione identica a quella che ha tatuata sul corpo: ammonizione per un tackle in scivolata con ovazione dal pubblico. Dopo la sostituzione, il suo sostituto, Jorman Campuzano, combina un disastro con Junior Alonso e il Burrito Martinez si trova il pallone davanti a porta sguarnita: è il gol dell’1-1. Ai rigori per il Boca segna solo Tevez: parati quelli di Mac Allister e Hurtado, fuori il tiro di Salvio. De Rossi assiste dalla panchina. Una notte che sembrava tutta sua è diventata quella dell’incredibile qualificazione dell’Almagro contro il suo Boca Juniors. Ma questo non basterà per cancellare le emozioni provate dall’ex capitano giallorosso, in gol all’esordio, come nelle favole. Era destino, verrebbe da dire.