E’ andata bene al Sassuolo e al suo allenatore De Zerbi. Non avrebbe meritato di battere il Catania nei 90 minuti, per come è andata la partita sarebbe stato più giusto, quanto meno, proseguire con i supplementari. De Zerbi ha sbagliato a sottovalutare la squadra del suo ex compagno Sottil, riempiendo la formazione con troppe riserve: sul piano del gioco è piaciuto di più il Catania che oltre al gol ha colpito due pali (uno il Sassuolo). La differenza di categorie, dalla A alla C, non si è proprio vista. I siciliani hanno manovrato con buona tecnica e con personalità, gli emiliani non si sono mai ritrovati anche perché, oltre alle difficoltà delle seconde linee, anche i due play Magnanelli e Locatelli hanno dato poco al gioco. Agli ottavi si giocherà Napoli-Sassuolo, con la sede da sorteggiare.

LA FAINA DI MATRI - In una partita che era ancora in equilibrio sul piano del gioco ha fatto la sua irruzione il vecchio Matri. Trentaquattro anni, 125 gol in carriera, alla prima partita da titolare della stagione, Matri ha sfruttato il regalo di Silvestri che non ha controllato il più docile dei passaggi del suo compagno di reparto Esposito e ha aperto la strada al centravanti del Sassuolo: uno scatto, un tocco, emiliani in vantaggio.
   
MEGLIO IL CATANIA -Era passato appena un quarto d’ora, ma la squadra siciliana non ha mostrato alcun cedimento psicologico. Tutt’altro. Ha cominciato a giocare palla a terra, con un fraseggio di qualità impostato dal trio di centrocampisti Bucolo, Rizzo e Angiulli, quest’ultimo tecnicamente superiore, in questa partita, ai due registi del Sassuolo, Magnanelli e Locatelli. Ma era soprattutto la spinta sugli esterni a creare dei problemi al Sassuolo: Calapai a destra e soprattutto Baraye a sinistra portavano di continuo delle insidie. Proprio un tiro di Baraye, deviato da Lemos, ha centrato il palo, come è successo poco dopo a Matri, lanciato da Djuricic: Pisseri è riuscito a deviare sul palo il tocco di punta del numero 10 del Sassuolo.

IL PARI - La pressione del Catania ha portato al giusto pareggio, annunciato dall’occasione di Angiulli con respinta di Pegolo. Gol davvero bello del croato Brodic: è entrato in area e ha piazzato la palla sul secondo palo. Lemos, al momento del tiro, gli ha dato le spalle...
   
SECONDO PALO CATANIA - Non è cambiata la partita nella ripresa, il Catania ha mantenuto l’iniziativa e il Sassuolo, che aveva colpevolmente sottovalutato la partita e l’avversario, faticava a riprendere in mano il gioco. De Zerbi ha inserito due titolari, Lirola e Di Francesco. Nel frattempo Sottil aveva puntato sull’esperienza di Biagianti in mezzo al campo. Brodic è andato a un centimetro dalla storica doppietta, su cross di Angiulli ha anticipato Dell’Orco e di testa ha centrato la traversa. Sottil ci credeva e ha puntato sulla velocità di Manneh che ha dato ad Angiulli una palla-gol: tiro deviato in  angolo. Marotta, entrato al posto di Curiale, ha segnato una rete che Rapuano ha annullato per un fallo non proprio chiaro. 

SOLLIEVO DE ZERBI - Sulla seconda disattenzione della difesa catanese (la prima era stata individuale di Silvestri, questa era invece collettiva), il Sassuolo ha vinto la partita: lancio dalla difesa, scatto micidiale fra i due centrali e aggancio di Matri, la conclusione è stata ribattuta da Pisseri ma sulla palla è arrivato per primo Locatelli che ha segnato. Un paio di minuti prima di propiziare il 2-1 De Zerbi aveva già deciso di togliere proprio Matri per far entrare Berardi. Dopo il gol ci ha ripensato, ha tolto sempre Matri ma ha messo Bourabia.

IL TABELLINO
Sassuolo-Catania 2-1

SASSUOLO (3-4-3): Pegolo 6,5; Magnani 6 Lemos 5 Peluso 5,5 (20' st Lirola 6); Brignola 5 Locatelli 6 Magnanelli 5 Dell’Orco 5,5; Trotta 5 Matri 7 (39' st Bourabia sv) Djuricic 5,5 (20' st Di Francesco 6). Allenatore: De Zerbi 5,5

CATANIA (4-2-3-1): Pisseri 7; Calapai 6,5 Silvestri 5 Esposito 6 Baraye 7; Bucolo 6 Rizzo 6 (14' st Biagianti 6); Barisic 6 (22' st Manneh 6,5) Angiulli 7 Brodic 7; Curiale 6,5 (31' st Marotta 6). Allenatore: Sottil 7

ARBITRO: Rapuano di Rimini 5,5
MARCATORI: 14' pt Matri (S), 41' pt Brodic (C), 36' st Locatelli (S)
AMMONITI: 6' st Peluso (S), 40' st Silvestri (C) e 43' st Brignola (S)  per gioco falloso
RECUPERI: 1' nel pt, 3' nel st