Commenta per primo

C'è la firma di Del Piero nell'ultimo successo della Juve in Inghilterra, guarda caso proprio a Manchester. Era il 20 novembre del 1996 e i bianconeri vinsero per 1-0 contro lo United in Champions. Per Alex, che segnò su rigore, una delle emozioni più forti. Quattordici anni dopo restano solo l'intramontabile capitano e la città ex capitale dell'industria tessile fondata dai romani.

Cambiano l'avversaria, adesso il City, lo stadio, che non è più il mitico Old trafford ma il moderno City of Manchester, e la coppa. Stasera si gioca infatti per l'Europa League anche se la sfida tra i Citizens e la Juve meriterebbe altri palcoscenici. Da una parte il City degli sceicchi dai 150 milioni di euro spesi nell'ultima campagna acquisti conclusasi con l'ingaggio di Balotelli, dall'altra i bianconeri alla ricerca di un assestamento, specie in difesa, dopo la rivoluzione estiva.

Da una parte Mancini, il tecnico dell'Inter dei tre scudetti del dopo Calciopoli; dall'altra Del Neri, quasi un esordiente in Europa. Per entrambi il primo vero esame nel torneo. Il tecnico bianconero è curioso e ansioso: 'Vediamo quanto vale la mia squadra'.

(Leggo - Edizione Torino)