67
Gerard Deulofeu dopo un inizio difficile con il Barcellona sembra aver messo il turbo e, a suon di gol e prestazioni, sta tornando a essere il giocatore che aveva incantato San Siro nei sei mesi passati a Milano.

DEULOFEU SI SBLOCCA A SUON DI GOL - Deulofeu nell'ultima sfida di Liga è stato protagonista del vantaggio del Barcellona contro il Malaga regalando, per la goia dei tifosi, uno splendido gol di tacco che ha portato in vantaggio la squadra blaugrana.  E ora che ha rotto il ghiaccio, l'attaccante non si ferma più, infatti ieri sera ha realizzato in Coppa del Re contro il Murcia il suo secondo gol della stagione dopo una bellissima azione tutta in slalom. La vittoria per 2-0 contro il Malaga (condita da una perla di Iniesta) e il 3-0 (Paco Alcacer al 44’ del primo tempo e gol di Deulofeu e Arnaiz al 52’ e 55) in Coppa hanno dimostrato al tecnico, società e tifosi che il classe 1994 è un giocatore da Barcellona. Inoltre lo spagnolo, dato che Ousmane Dembélé (attacante classe 1997) sarà fuori dal campo per altri tre mesi a causa dell'infortunio avvenuto ad inizio stagione nella partita contro il Getafe , può sfruttare questo momento per ritagliarsi uno spazio sempre maggiore nella squadra di Valverde.

IL MILAN SI ALLONTANA - Il Milan non può far altro che rassegnarsi e rimpiangere un giocatore che sarebbe stato utile in un 4-3-3, oggi più che mai tornato di moda dato che la squadra di Montella sembra non ingranare con il 3-5-2, più volte utilizzato in stagione. E dire che nelle settimane precedenti (considerate le prestazioni non brillanti del n°16 del Barcellona) erano stati più che numerosi i rumors che avevano accostato Deulofeu ad un possibile ritorno a Milano (ma anche a un approdo alla Juventus a gennaio), ma oggi è tutta un'altra storia e il suo futuro è solo a colori blu e granata.