Commenta per primo

La rabbia degli ex. Essere costretti a lasciare la Juventus non è cosa facile da digerire. La rivoluzione operata dal dg Beppe Marotta, necessaria per rifondare un a squadra reduce dalla stagione peggiore nella ultracentenaria storia bianconera, ha imposto scelte dolorose.

E cessioni che fanno discutere, anche gli stessi 'ceduti'. Il primo a tuonare contro l'ex dirigente Samp è stato Diego. D'altronde non è un mistero che tantissimi tra critici e tifosi pensano che la sua cessione sia stata affrettata, addirittura sbagliata. A fargli eco l'altro fantasista cancellato dal 4-4-2 di Del Neri: Giovinco. Per entrambi Marotta non ha l'esperienza e il carisma per guidare la Juve.

(Torino Cronaca)