3
Intervistato dal sito ufficiale della Uefa il manager della Dinamo Kiev, Mircea Lucescu, ha parlato in vista della prossima sfida di martedì contro la Juventus.

PRILO - “Com'era Pirlo da ragazzo a Brescia? Incredibile, maturo. Maturo come lo è adesso. Ricordo di essere andato a Viareggio per assistere a una partita e di aver fatto il viaggio di ritorno in automobile insieme a lui. Parlammo per due ore e realizzai che si trattava di una persona con un cervello di prim'ordine. Oltre ad essere un giocatore creativo era anche un grande organizzatore e questa è un'altra abilità. Tutto questo lo ha aiutato molto a diventare ciò che è oggi, l'allenatore di una grandissima squadra come la Juventus. Mi ha chiamato maestro? Questo mi rende orgoglioso. Dovrò ringraziarlo! Spero avrà una grande carriera”.

LA DINAMO KIEV – “Dall'ultima volta in cui la Dynamo ha preso parte alla fase a gironi, la squadra ha perso un gran numero di giocatori di esperienza. Abbiamo abbracciato la linea verde e ora la squadra è molto giovane. Il mio compito è farla crescere fino a quando comincerà ad ottenere risultati. Nel calcio è impossibile vincere da subito, i miracoli non esistono. Mi aspetto che i miei giocatori vadano in campo senza paura, consapevoli del loro valore, senza pensare a chi si troveranno davanti. Molti di loro sono giovanissimi, giocare a questi livelli li aiuterà a crescere. E anch'io sono qui per questo”.
RONALDO E MESSI - “Io li ho incrociati parecchie volte, ma i miei giocatori no. Succederà presto e io dovrò spiegare loro con chi avranno a che fare. Messi è un brevilineo ed è straordinario negli spazi stretti per via della sua accelerazione, del dribbling e della fiducia nei suoi mezzi. Ronaldo è un tipo di giocatore differente, ama molto il gol e ha bisogno di spazi più ampi. Ha bisogno dell'aiuto di tutta la squadra. Messi può fare molto da solo. Ronaldo può fare da solo esclusivamente in area o negli ultimi 20 metri, ma sfrutta al meglio gli spazi creati dagli altri per andare a bersaglio. Sono due giocatori differenti, ma sono entrambi formidabili”.

SULLA CHAMPIONS LEAGUE – “La conosco davvero bene! Ho all'attivo oltre 130 partite e non parlo solo di fase a gironi. Le squadre giocano anche le qualificazioni, uno, due, tre turni... L'inno della Champions League è come il proprio inno nazionale. Quando lo ascolti lo fai con la stessa emozione e lo rispetti allo stesso modo”.