Commenta per primo
Hrafna-Floki Vilgerðarson fu il primo navigatore vichingo che, volontariamente, si recò in Islanda, all'epoca conosciuta ancora come Garðarshólmur. E fu proprio Vilgerðarson, conosciuto anche come Corvo-Floki perché si affidò a 3 corvi per trovare l'isola, a darle il nome Island, che in lingua norrena significa "terra del ghiaccio". Il primo che scelse di abitarci, di costruirsi una vita in quell'isola fredda e, all'epoca, sconosciuta; isola che, nel mondo parallelo in cui si corre prendendo a calci un pallone, è stata resa famosa da Eidur Gudjohnsen, il Corvo-Floki, al contrario, del calcio. E ieri uno suo discendente diretto ha fatto il debutto in Italia. 

CAMBIO ROMANTICO - Eidur debuttò in nazionale prendendo il posto di papà Arnor, il 24 aprile del 1996, in una sfida contro l'Estonia. Da lì un lungo cammino, in cui ha indossato le maglie di Chelsea e Barcellona; da lì una nuova vita, che lo ha portato a trasmettere la passione del calcio ai suoi figli. E il primo, Sveinn Aron, arrivato in Italia in estate dal Breidablik, ha fatto il suo debutto in Serie B con la maglia dello Spezia, club con il quale ha firmato fino al 2020. Nessuna poesia, nessun cambio romantico: Galabinov, centravanti bulgaro, ha fatto gol di testa e, nello stacco, si è fatto male muscolarmente. Spazio, quindi, all'uomo di ghiaccio, che ha  mostrato le sue qualità.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

They say never meet your idol...22years ago today i replaced mine in my first full international game for Iceland

Un post condiviso da Eidur Gudjohnsen (@eidurgudjohnsen) in data:

 
FORZA FISICA - Centravanti, 20 anni (stessa età in cui il papà andò al Bolton) di 190 cm, autore di 4 gol nella scorsa stagione, con un passato, da piccolissimo al Barcellona, ha convinto Pasquale Marino nei 40 minuti giocati contro il Carpi: "Non era una partita facile per esordire, ma si è fatto trovare pronto, lottando ed aiutando la squadra fino alla fine". Vittoria ligure, prima soddisfazione per Gudjohnsen jr: nessun gol, ma una prestazione più che sufficiente. Con i fratellini Andri Lucas (16 anni) e Daniel Tristan (12) entrambi al Real Madrid, con lo zio (fratellastro di papà Eidur e più piccolo di un anno di Sveinn Aron) allo Swansea, la dinastia dal sangue aristocratico dei Gudjohnsen ha piazzato una biandierina anche in Italia, con lo stesso spirito da viaggiatore che animava Corvo-Floki...