2
Il calcio spagnolo continua a dominare in ambito europeo: avanzano alle semifinali di Europa League sia il Siviglia che il Valencia, protagoniste di due rimonte nei confronti di Porto e Basilea; sorride anche il Benfica che, dopo l'1-0 di Alkmaar, regola anche in casa l'AZ con la doppietta di Rodrigo, giocatore accostato anche all'Inter in passato.

Ma le emozioni principali arrivano dalla Spagna. Al "Sanchez Pizjuan", il Porto, privo degli squalificati Jackson Martinez e Fernando, crolla in mezzora sotto i colpi di Rakitic (obiettivo della Juve), Vitolo e Bacca. Nella ripresa, il francese Gameiro cala il poker, prima che Quaresma sigli a tempo scaduto la rete della bandiera per i lusitani. Esaltante invece la remuntada del Valencia, che doveva recuperare il pesante 0-3 incassato al St Jacob di Basilea. Nel giro di 4', tra il 38' e il 42', Paco Alcacer e l'ex napoletano Edu Vargas fanno 2-0 e nella ripresa, al 70', Paco Alcacer pareggia i conti del doppio confronto con la sua doppietta personale. Si va ai supplementari, dove i giocatori di Yakin perdono la testa e ne fanno le spese Diaz e Sauro, espulsi tra il 101' e il 106'. Al 113', il "Mestalla" esplode definitivamente con la rete del 4-0 ancora di Paco Alcacer, mentre è Bernat (giocatore seguito da Inter, Milan e Napoli) a chiudere i conti al 119' col quinto gol.