116
L'ennesimo nulla di fatto. Nemmeno l'approdo del presidente del Torino Urbano Cairo nel fronte dei favorevoli all'offerta di Dazn ha partorito la svolta tanto attesa, nell'Assemblea di Lega andata in scena questo pomeriggio, per l'assegnazione dei diritti tv per il triennio 2021-2024. La scadenza dell'attuale bando, fissata per il prossimo 29 marzo, si avvicina sempre più ma i dirigenti dei 20 club di Serie A non riescono a trovare una posizione condivisa, rischiando di rimettere di nuovo tutto in discussione.

Nella votazione di oggi, il numero delle società a favore di Dazn non ha superato quota 11 (Atalanta, Fiorentina, Hellas Verona, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli, Parma, Udinese e Torino) - il quorum è fissato in 14 - con 8 (Benevento, Bologna, Crotone, Genoa, Roma, Sampdoria, Sassuolo e Spezia) che si sono astenute e il Cagliari che ha abbandonato al momento di esprimere la propria preferenza. A impedire la fumata bianca la posizione di oltranzismo portata avanti soprattutto dai presidenti di Genoa e Samp Preziosi e Ferrero, che anche nelle scorse ore hanno chiesto ulteriori garanzie a Dazn sulla copertura del segnale e che continuano a preferire la proposta di Sky. Le parti si aggiorneranno venerdì in una nuova assemblea.

LA LETTERA DI SKY - Sky ha inviato una lettera a tutti i club di Serie A, confermando il proprio impegno sui diritti tv
. Nel testo, la pay-tv di Comcast si è detta pronta a confermare a parità di condizioni l'offerta fatta anche oltre la data del 29 marzo, giorno in cui scadranno le proposte presentate alla Lega per trasmettere il campionato nel triennio 2021/24.
Inoltre, apprende l'ANSA, Sky si è detta disposta, nel caso migliorino le condizioni nell'eventuale nuovo bando che la Serie A si trovasse costretta a lanciare dopo il 29 marzo, a migliorare anche la propria offerta

     

DIRITTI INTERNAZIONALI ASSEGNATI - La Lega ha invece preso una decisione sull'assegnazione dei diritti tv internazionali. Di seguito il comunicato: 
L'Assemblea della Lega Serie A si è svolta oggi con la partecipazione in collegamento video di tutte le 20 Società. I club, all'unanimità, hanno assegnato i diritti audiovisivi internazionali per il territorio USA: "Siamo molto soddisfatti per aver assegnato i diritti audiovisivi di Campionato e Coppa Italia, per il triennio 21/24, a una major come CBS Broadcasting - ha detto l'Amministratore Delegato della Lega Serie A Luigi De Siervo -. In un'area strategica come gli Stati Uniti d’America abbiamo incrementato di oltre il 30% il valore dei nostri diritti con un partner di primaria grandezza come CBS. Quello di oggi non è un punto di arrivo, ma anzi l’inizio di un percorso di investimenti in risorse umane e contenuti editoriali funzionali a supportare la crescita costante della Serie A in tutto il Nord America. Questo risultato è il frutto del lavoro degli ultimi 18 mesi e del sempre crescente numero di proprietà americane che hanno deciso di investire nelle nostre franchigie".