29
La Serie A giunge a un punto di svolta storico. L'assemblea di Lega ha infatti accettato all'unanimità l'offerta del consorzio CVC-Advent-Fsi, che entra con il 10% nella media company creata per gestire e commercializzare i diritti tv: il closing arriverà tra qualche mese.

I DETTAGLI DELL'ACCORDO - Fumata biancha dopo che la Lega Serie A, riunita dalle 13 in un hotel romano, ha accettato con voto unanime l'offerta del consorzio di fondi di investimento CVC-Advent-Fsi, che entra così con il 10 per cento nella media company creata per gestire e commercializzare i diritti televisivi: sul tavolo 1,7 miliardi di euro, un guadagno importante dopo le conseguenze della pandemia di Covid.

VOTO UNANIME - Presenti all Hotel St. Regis i presidenti di Milan (Paolo Scaroni), Lazio (Claudio Lotito), Napoli (Aurelio De Laurentiis) e Sampdoria (Massimo Ferrero), il Ceo della Roma, Guido Fienga, e i vertici della Lega A, a partire dal presidente Paolo Dal Pino e dall'a.d. Luigi De Siervo. Dopo il voto unanime, serviranno un paio di mesi per stendere i contratti: il closing sarà effettuato nel nuovo anno, durante il quale si dovrà procedere alla vendita dei diritti tv della Serie A per il triennio 2021-2024. Convinti anche i più restii, come Claudio Lotito, Aurelio De Laurentiis e Antonio Percassi.

LE CONSEGUENZE -
Con questa decisione, parte un business che prevede nuovi sistemi di promozione del nostro campionato, con una visione planetaria di sviluppo del brand Serie A. CVC Capital Partners è una società britannica, con sede principale a Londra dal 1981, specializzata in private equity.