86
Gigio Donnarumma si racconta a 360°, tra passato e futuro. Nel corso di un'intervista a Rivista Undici, il portiere del Milan mostra idee chiare in merito ai prossimi anni della sua carriera: "Voglio un grande Europeo, e poi voglio diventare il portiere più forte del mondo. La mia passione è sempre stata la porta. Di questo ruolo la cosa che mi è sempre piaciuta di più è l'adrenalina".

SUL PRIMO DERBY - "È senza dubbio il ricordo più importante anche se in generale le sfide contro l'Inter generano grande emozione. L'adrenalina è a mille, il cuore a duemila, ho voglia di vincere, ho voglia di giocare bene".

SUL DERBY PERSO 4-2 - "Ho rosicato tantissimo".​
SULLE CRITICHE DEI TIFOSI NEL 2017 - "Provavo a non pensarci, ma anche se non volevo, ci pensavo e soffrivo. È difficile giocare quando i tifosi sono contro di te, quando ti fischiano. San Siro è San Siro... Però non ho mai avuto paura. Sapevo chi sono, sapevo cosa potevo fare. Paura zero". 

SUL RENDIMENTO - "A me sembra tutto normale, credo sia questo che mi fa rimanere a questi livelli. Faccio delle cose, delle parate, e mi sembrano normali. E poi mi piace comandare, mi trovo bene a farlo. Devi dar fiducia alla difesa, sei il primo a dar fiducia alla squadra. Devi essere solido. All'inizio ero timido, tutti erano più grandi di me. Ora sono uno di quelli che è al Milan da più anni. So di avere un ruolo importante, mi faccio sentire".