2
Sembrava proiettato verso una salvezza tutto sommato tranquilla il Benevento di Pippo Inzaghi. Obiettivo che, se ad inizio stagione sembrava piuttosto utopico, con il passare delle giornate è diventato sempre più tangibile, salvo poi allontanarsi di colpo nelle ultime settimane. Un crollo verticale e a tratti inaspettato quello delle Streghe che, dall’impresa del 21 marzo in casa della Juventus, non sono più riusciti a portare a casa il bottino pieno. Le (tardive, ma prevedibili) risalite di Cagliari e Torino hanno inguaiato i campani, che ora si ritrovano relegati al terzultimo posto a sole cinque giornate dalla fine.
 
STATISTICHE ALLA MANO - I dati delle ultime giornate non sorridono alla squadra di Vigorito. Dopo la Juventus, solo due punti contro Parma e Genoa, per un totale di 14 gol subiti in 5 partite e un attacco che, nonostante tutto, ha sempre trovato con continuità la via del gol grazie alle invenzioni di capitan Viola e alle finalizzazioni di Lapadula e Sau. Proprio l’ex Cagliari potrebbe aver chiuso anzitempo la propria stagione a causa dell’infortunio muscolare rimediato nella sconfitta contro l’Udinese. Una tegola pesante per Inzaghi, che dovrà rinunciare ad un elemento di sicura affidabilità in questo frenetico finale di stagione.
 
ANCORA TU - Milan-Benevento si preannuncia una partita tutta da vivere: obiettivi diametralmente opposti, ma l’incertezza e la precarietà che annida questo match sono evidenti. Due squadre che sembravano con le mani fisse sui propri obiettivi, ma che, con il passare delle giornate, hanno progressivamente perduto la presa rispettivamente sullo scudetto e sulla salvezza. E sarà proprio Pippo Inzaghi  a dover dare un dispiacere alla propria ex squadra che, qualora non dovesse centrare i tre punti, rischierebbe di giocarsi il posto in Champions con la Lazio fino all’ultima giornata, anche in considerazione delle sfide probanti con Juventus ed Atalanta. Allo stesso modo Glik e compagni non potranno più sbagliare, considerando anche i tanti scontri diretti da qui alla fine che vedranno i giallorossi impegnati in casa contro Cagliari e Crotone, per poi chiudere il campionato in casa del Torino, con un verdetto che potenzialmente potrebbe essere ancora tutto da decidere. Sarà Diavoli contro Streghe, obiettivi opposti, stessa fame di vittoria.